Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Oggi si decide se torna davvero Felipe

Se la seduta andrà bene, giocherà 30 minuti contro lo Zulte

redazionecittaceleste

ROMA - E’ tutto pronto. Felipe Anderson è una molla. Non sta quasi più nella pelle, è contento come un bambino perché sta per mettere alle spalle il periodo più nero della sua carriera e torna a giocare. Oggi è un giorno importante perché il brasiliano si aggregherà al gruppo, farà un vero e proprio test e se tutto andrà per il meglio, senza avere più la minima complicazione, tra due giorni partirà per Waregem. Per lui, lo staff tecnico, con il benestare di quello medico, ha previsto di farlo giocare per una ventina/trentina di minuti con la squadra belga in Europa League. Ma tutto dipende dalla seduta odierna, assicura IlMessaggero. Il calvario del brasiliano sta per terminare una volta per tutte. Felipe ha sofferto tantissimo per quanto gli è successo dal 31 luglio fino ai giorni nostri. Da quella data, per lui e con lui hanno lavorato la bellezza di quattro professionisti, un preparatore e tre fisioterapisti, uno della Lazio, uno arrivato direttamente dal Brasile e uno di Rimini. Adesso il problema all’adduttore è risolto del tutto, anche se non è stato facile, considerato che si è trattato di un incidente molto serio. Il muscolo del giocatore, giocandoci sopra sin dalla passata stagione, si era praticamente sfibrato e con pazienza è stato ricostruito con la fisioterapia e con tanto allenamento. Il trequartista laziale ha lavorato giorno e notte per quasi un mese senza sosta. L’ultima seduta di lavoro l’ha effettuata ieri mattina a Formello agli ordini del preparatore Bianchini. Trenta giorni micidiali, di durissimo allenamento che adesso daranno la possibilità al calciatore di rientrare senza problemi e di aiutare la squadra. Per Inzaghi si tratta praticamente di un nuovo acquisto.

Cittaceleste.it