Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Scudetto 1915, c’è un nuovo documento

Lazio: scudetto del 1915

Smentita la tesi sulle due napoletane ancora in corsa. Annullate le partite: conferma dai giornali dell'epoca

redazionecittaceleste

ROMA - E' il quotidiano Il Tempo, come preannunciato dal promotore della rivendicazione per l'assegnazione dello Scudetto 1915 alla Lazio, l'avv. Gian Luca Mignogna, a lanciare la bomba: "Nuovo documento, Scudetto alla Lazio", si legge nella pagina dedicata alla vicenda sull'edizione di domenica 9 aprile. "Smentita la tesi sulle due napoletane ancora in corsa. Annullate le partite: conferma dai giornali dell'epoca".

SCOPERTA - La scoperta porta la firma dell'avv. Pasquale Trane e del Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento, che ha fatto chiarezza sulla partita tra Internazionale di Napoli e Naples che più di qualcuno ha pretestuosamente portato come prova riguardo al fatto che la Lazio non avesse ancora maturato il diritto di disputare la finale Scudetto del 1915, o che perlomeno non fosse l'unico club ad avere la possibilità di richiedere l'assegnazione ex aequo del titolo.

ARTICOLO - Si legge nell'articolo: "Il Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento con l'avvocato Trane in prima fila, ha mandato un suo inviato proprio nella città campana a consultare altre biblioteche. E' stato scoperto un articolo sul quotidiano napoletano "Il Roma" del maggio 1915, nel quale si afferma testualmente: "Avendo la Federazione Italiana annullati i due match precedenti, oggi sul campo dell'Unione Sportiva Internazionale ad Agnano vi sarà alle ore 3 la prima partita per il titolo di campione campano. La Federazione del Calcio alla quale l'arbitro Casallora aveva avvisato che i giocatori Pellizzani e Steigger avevano giocato i campionati sforniti di tessera dietro reclamo pure del Naples FBC, decise di annullare le due partite precedenti e far disputare di nuovo il campionato."

CAMPIONE - "Dunque nessuna squadra meridionale era risultata qualificata per la finale del titolo di Campione dell'Italia Centro-Meridionale. Le partite tra le squadre napoletane del 18 e 25 aprile 15 erano state entrambe annullate e non solo la prima come si è cercato disperatamente di dimostrare. L'avvocato Trane va giù duro: "Nella lettera di Stagliano si è cercato inopinatamente di minare la credibilità del promotore della petizione, l'avvocato Mignogna e di screditare il lavoro della qualificata commissione federale (che ha espresso parere favorevole all'ex aequo."

IL ROMA - L'articolo chiude proprio con le dichiarazioni in merito di Gian Luca Mignogna. "L'articolo de "Il Roma", quotidiano napoletano dell'epoca, comprova inconfutabilmente tre cose: 1) la FIGC annullò sia la gara d'andata sia la gara di ritorno della suddetta prefinale meridionale; 2) la nuova sfida indetta dal locale comitato regionale sarebbe valsa per la mera assegnazione del titolo di campione campano; 3) l'interruzione disposta il 23 maggio 1915 impedì il completamento anche di tale sfida regionale. Tale scoperta, i precedenti dossier depositati agli atti federali ed il parere della commissione dei Saggi, portano ad un'unica ed indiscutibile conclusione: la FIGC non dovrà avere alcun timore di render giustizia ed assegnare alla Lazio l'ex aequo dello Scudetto 1914/15".

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso