Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Wallace: un ‘quasi-gol’ per riprendersi la Lazio

Dal 4-1 contro il Milan a quello contro il Cittadella, il brasiliano vuole tornare ad essere un pilastro per i biancocelesti...

redazionecittaceleste

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – In TIM Cup la Lazio doveva fare due cose, vincere e convincere: missione riuscita. L’avversario non era di primo pelo, ma la Coppa Italia ci ha dimostrato che spesso le piccole possono fare clamorosi e dolorosi sgambetti alle squadre più blasonate – basti pensare alla Roma eliminata dallo Spezia qualche anno fa o l’Inter che ha rischiato di uscire ai rigori contro il modesto ma combattivo Pordenone -. La gara contro il Cittadella ha portato sorrisi a diversi calciatori capitolini, ad esempio Felipe Anderson ha bagnato con un bel gol l’esordio stagionale dal primo minuto, mentre Ciro Immobile è tornato a segnare dopo la burrascosa espulsione subita contro il Torino nell’ultima e contestata gara di campionato. Ma abbiamo assistito anche al ritorno da titolare di Fortuna Wallace, il centrale brasiliano non solo ha disputato una buona partita in fase difensiva, ma ha anche causato l’autogol di Camigliano – la rete che aveva portato i biancocelesti sul 3-0 -.

 

DA UN 4-1 AD UN ALTRO

Era dalla vittoria sul Milan di Montella che Wallace non scendeva in campo da titolare, con l’aquila sul cuore e il 13 sulle spalle – numero che non può lasciare indifferente alcun tifoso laziale -. Il suo infortunio aveva dato inizio a quella moria di difensori che si sarebbe concretizzata tutta nella sfida contro il Napoli, costringendo Inzaghi ad inventare da capo la linea difensiva. Adesso l’ex-Monaco è rientrato così come gli altri, quindi la concorrenza è più agguerrita che mai. Ora si parla di difesa titolare con Bastos sul centro-destra, questo significa che Wallace dovrà rimboccarsi le maniche per riprendersi la titolarità anche in campionato. Entrambi i difensori sono molto forti fisicamente, più veloce l’angolano, più possente il brasiliano. Dal punto di vista prettamente difensivo parliamo di due centrali piuttosto affidabili: se Bastos è quasi insuperabile nell’uno contro uno, Wallace riesce ad essere più concentrato e attento per tutti i 90 minuti. Adesso vedremo se Inzaghi deciderà di continuare a puntare sul numero 15 o se tornerà all’origine affidandosi al difensore verdeoro. Queste intanto le parole di Caldara, che teme e rispetta la Lazio di Inzaghino: CONTINUA A LEGGERE