svago

++ DISASTRO A CATANZARO ++ 70MILA PERSONE SENZA ACQUA

ROMA - In occasione dell’alluvione che, sin dalle prime ore del 19 u.s, ha colpito per più di 4 ore ininterrottamente la costa ionica della nostra regione, la macchina emergenziale della protezione civile regionale è stata...

redazionecittaceleste

ROMA - In occasione dell’alluvione che, sin dalle prime ore del 19 u.s, ha colpito per più di 4 ore ininterrottamente la costa ionica della nostra regione, la macchina emergenziale della protezione civile regionale è stata attivata per i primi soccorsi agli automobilisti rimasti in panne e sono stati messi a disposizione dei comuni interessati dagli eventi, uomini e mezzi, in particolare pompe idrovore e mezzo meccanico per la rimozione di detriti al fine di ripristinare la viabilità principale.

"Alla luce di quanto emerso in termini di danni e disagi, la giunta regionale, nella seduta del 20 u.s., ha adottato una Delibera per il riconoscimento dello stato di emergenza da comunicare al Governo nazionale.

"Nella mattinata di sabato, inoltre, la Ditta Cristofaro Acqua Calabria di Girifalco, ha messo a disposizione un tir di acqua imbottigliata per la popolazione in difficoltà, in particolare per anziani e disabili, che è stata prelevata con un autoarticolato della Protezione Civile Regionale ed è stata consegnata al Comune di Catanzaro al fine di distribuirla tra la popolazione attraverso il prezioso contributo dei volontari attivati proprio dalla Protezione Civile regionale.

"“Indipendentemente da qualsiasi polemica scoppiata in questi giorni, assolutamente fisiologica e priva di fondamenti reali, è necessario riconoscere l’impegno e il lavoro svolto dalla Protezione Civile regionale che ha prestato servizio durante le ore diurne e notturne senza interruzione. Gli eventi eccezionali, in quanto tali, non sono prevedibili ed è di fondamentale importanza riuscire ad individuare, in particolar modo, le procedure da attivare a seguito della prima fase emergenziale nel tentativo di poter soddisfare, in tempo quasi reale, le esigenze di tutti. In tale ottica la Protezione Civile regionale, anche attraverso l’ottimo coordinamento della Prefettura di Catanzaro, è riuscita a mettere in campo tutte le forze necessarie per poter accelerare il processo di superamento delle criticità. Ora è necessario effettuare una stima dei danni, che verrà fatta dai nostri tecnici sull’intero territorio regionale, per soccorrere le zone più colpite e per comprendere cosa è necessario fare perché in futuro, davanti ad un nuovo alluvione di questa portata, il territorio possa essere più preparato” ha affermato il Sottosegretario alla Protezione Civile regionale, Giovanni Dima. (meteoweb.eu)

Potresti esserti perso