Gazzetta – Milan, un nuovo stadio da 300 milioni. I soldi arriveranno dagli sponsor

Il Milan si proietta ufficialmente nel futuro, compiendo il primo passo verso la costruzione dello nuovo stadio di proprietà al Portello. Fondamentale il lavoro di Barbara Berlusconi, che in questi mesi ha portato avanti il progetto con impegno e determinazione. Come riporta stamane La Gazzetta dello Sport, lo scorso venerdì,…

di redazionecittaceleste

Il Milan si proietta ufficialmente nel futuro, compiendo il primo passo verso la costruzione dello nuovo stadio di proprietà al Portello. Fondamentale il lavoro di Barbara Berlusconi, che in questi mesi ha portato avanti il progetto con impegno e determinazione. Come riporta stamane La Gazzetta dello Sport, lo scorso venerdì, poco prima delle 17, il club rossonero ha perfezionato la manifestazione d’interesse a Fondazione Fiera Milano, rispondendo al bando chiuso ieri alle 12 (sono arrivate 6 manifestazioni).

SPONSOR – Il costo per la costruzione della nuova arena di famiglia (che sorgerà al posto dei padiglioni 1 e 2 della vecchia Fiera Campionaria di Milano) è stimato intorno ai 300 milioni di euro. Un investimento – evidenzia la rosea – che non attingerà dalle risorse del club. Saranno gli sponsor ed eventuali investitori a coprire interamente le spese. Emirates è disponibile anche a dare il proprio nome allo stadio, ma non sarà l’unico partner: sono una trentina, infatti, le grandi aziende internazionali pronte a discutere con il Milan per avviare percorsi di sponsorizzazione.

NUOVA ERA – Grazie ai nuovi introiti, si calcola che i ricavi del club si impenneranno tra il 20% e il 25%. I lavori per la realizzazione del nuovo impianto (che occuperà 65mila mq), inizieranno nel 2016, con l’obiettivo di inaugurarlo due anni dopo. Ma prima – precisa la Gazzetta – Fondazione dovrà scegliere il progetto vincitore del bando: il verdetto arriverà entro marzo, ma dagli ambienti milanisti filtra ottimismo. (Milannews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy