Gazzetta – Nuovo stadio, altro passo in avanti: ARRIVA L’OK!

Il progetto presentato dal Milan qualche giorno fa sul nuovo stadio continua a ricevere pareri positivi, anche da parte delle istituzioni. Nella giornata di ieri, per esempio, anche Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, si è espresso in maniera molto positiva sulla possibile costruzione di un nuovo impianto nel capoluogo lombardo:…

di redazionecittaceleste

Il progetto presentato dal Milan qualche giorno fa sul nuovo stadio continua a ricevere pareri positivi, anche da parte delle istituzioni. Nella giornata di ieri, per esempio, anche Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, si è espresso in maniera molto positiva sulla possibile costruzione di un nuovo impianto nel capoluogo lombardo: “Dico solo che il nuovo stadio del Milan ci sta: è una bella idea, e Milano ha sicuramente lo spazio per un secondo stadio”. Parole che hanno fatto certamente piacere al club di via Aldo Rossi ed in particolare a Barbara Berlusconi, che sta lavorando duramente da diversi mesi su questo progetto.

PARERE POSITIVO – L’ad della parte commerciale del Milan e il suo team, come riferisce La Gazzetta dello Sport, sono in contatto da tempo con il Comune per la realizzazione della nuova arena rossonera al Portello, a due passi da Casa Milan: tra dicembre e gennaio, è arrivato poi il via libera definitivo da Palazzo Marino, a poche settimane dal perfezionamento con la Fondazione Fiera Milano della manifestazione d’interesse per riqualificare l’area dei padiglioni 1 e 2. E ieri ecco il parere positivo anche del primo cittadino: “Bisognerà vedere la compatibilità rispetto al territorio, ma non entro nella questione dell’ubicazione. Dico solo che ci sta, soprattutto uno stadio così come proposto dal Milan: aperto alla città, al quartiere e alla zona, giorno e notte. Tutti i giorni e non solo la domenica. Non deve essere un luogo isolato, dove si gioca due volte a settimana, ma vivo e vivace come avviene nelle capitali europee”.

TRE PALETTI – Fin dai primi colloqui con il club rossonero, il Comune ha messo subito dei paletti che possono essere riassunti in tre punti: sostenibilità dell’opera, armonizzazione con il quartiere, fruibilità per la zona. E seguendo questi punti guida, il Milan ha creato il progetto di uno “stadio urbano”, cioè un impianto che per esempio non sarà più alto degli altri palazzi già presenti nella zona e che si possa integrare nel paesaggio. La palla passa ora a Fondazione Fiera che nelle prossime settimane farà sapere la sua scelta del progetto vincente per la riqualificazione della vecchia Fiera di Milano. (Milannews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy