INZAGHI MILAN, LUNA DI MIELE FINITA

Da predestinato a bersaglio mobile: Filippo Inzaghi sfida la Juve e le critiche per guadagnarsi la conferma. Nonostante il periodo complicato – scrive stamane La Gazzetta dello Sport – il tecnico rossonero è tutt’altro che rassegnato. Pippo Inzaghi è motivato e in settimana ha colto segnali positivi: l’atmosfera, infatti, è…

di redazionecittaceleste

Da predestinato a bersaglio mobile: Filippo Inzaghi sfida la Juve e le critiche per guadagnarsi la conferma. Nonostante il periodo complicato – scrive stamane La Gazzetta dello Sport – il tecnico rossonero è tutt’altro che rassegnato. Pippo Inzaghi è motivato e in settimana ha colto segnali positivi: l’atmosfera, infatti, è più rilassata dopo la vittoria sul Parma (la prima in Campionato del 2015) e anche i giocatori sono più sereni. Adesso – sottolinea la rosea – sotto pressione è rimasto lui.

IN BILICO – Inzaghi non è mai fuggito di fronte ai problemi e ha sempre saputo che allenare il Milan avrebbe comportato una serie di difficoltà. Nonostante le dichiarazioni di Adriano Galliani, il suo futuro è in bilico e solo i risultati potrebbero salvarlo dall’esonero. In otto mesi (l’ex nove rossonero è alla guida della prima squadra da giugno) è finita la luna di miele e sono cominciate le critiche. Anche da parte dei tifosi, che, ad esempio, durante il match con il Parma hanno fischiato pesantemente la sostituzione di Destro con Muntari. Ma Pippo non si è scomposto. È consapevole della situazione, ma guarda avanti con ottimismo.

CERTEZZE – Come detto, però, il tempo dei complimenti è già lontano (in autunno Berlusconi gli aveva dato un 8 un pagella). Dopo aver trascorso un Natale sereno, grazie alla vittoria sul Napoli e al pareggio di Roma, il terribile gennaio ha tolto certezze e sparso malumore. Sono bastate cinque partite in poco più di venti giorni – evidenzia la Gazza – per cambiare e forse compromettere tutto. Ora il futuro di Inzaghi è legato alle prestazioni della squadra. Questa sera c’è la Juve e il Milan non parte certo favorito, ma il mister si fida dei suoi ed è sicuro di assistere a una prova confortante. (Milannews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy