svago

«Michael Schumacher respira da solo»

Michael Schumacher migliora costantemente e adesso respira da solo. In coma dal 29 dicembre dopo aver battuto la testa su una roccia mentre sciava a Maribel, il campione oggi sta meglio e, anche se non è uscito dal coma, cresce la speranza...

redazionecittaceleste

Michael Schumacher migliora costantemente e adesso respira da solo. In coma dal 29 dicembre dopo aver battuto la testa su una roccia mentre sciava a Maribel, il campione oggi sta meglio e, anche se non è uscito dal coma, cresce la speranza per lui:

MICHAEL SCHUMACHER RESPIRA DA SOLO – Sono passati due mesi da quando ha avuto l’incidente mentre sciava sulle nevi di Meribel (Francia) con il figlioMick e amici, Michael Schumacher è caduto in un tratto di fuoripista, colpendo con la testa un masso. Pino Allevi racconta i miglioramenti del campione:

Corinna gli parla, gli sussurra parole all’orecchio, in una intimità sacrale. I figli, Gina Maria e Mick, vengono quando possono e intanto hanno ripreso gli impegni scolastici. Mick corre pure nei kart, anche se il papà non gli è più accanto. Spesso in ospedale giunge Jean Todt. Il consiglio dei medici è di fargli sentire voci amiche. Todt gli parla in inglese, come ai tempi della Ferrari. Non manca neppure un altro personaggio che era con Michael nei momenti dei trionfi. È Ross Brawn, che arriva periodicamente dall’Inghilterra e si siede vicino a Schumacher, pare facendogli ascoltare le registrazioni audio boxpista, quelle dei GP. Perché i medici dicono che Michael deve riannodare i fili della sua vita, con i suoni, le voci. Lui respira immobile, forse sente (molti che si sono trovati nel suo stato hanno rivelato a distanza di tempo che udivano tutto), forse no. Ma bisogna insistere e non accettare il peggio. Nessuno può dire se, e quando, Schumi si risveglierà. Ma intanto è vivo, percepisce qualche stimolo e magari sarà solo questione di tempo, di affetto che può riportarlo verso il risveglio, verso un abbozzo di sorriso, verso una ipotesi di normalità.

(Gazzetta.it)

Potresti esserti perso