ESCLUSIVA – Napoli-Candreva, accordo totale da 28 milioni, ma lui si prende 72 ore

ESCLUSIVA – Napoli-Candreva, accordo totale da 28 milioni, ma lui si prende 72 ore

Venticinque milioni per scavalcare la concorrenza nerazzurra, ma il giocatore aveva già rifiutato la meta partenopea

AGGIORNAMENTO ORE 13 – Pastorello prende tempo. L’agente di Candreva, contattato dal diesse del Napoli Giuntoli, prende tempo sperando in un ripensamento del suo assistito: Antonio vorrebbe averci almeno altre 72 ore pensarci.

AGGIORNAMENTO  08/07/2016  ORE 9:00 – Vede Napoli e non gli piace. Candreva non vuole andarci, eppure Lotito lo ha già ceduto a De Laurentiis: stretta di mano mercoledì perché finalmente qualcuno ha varcato la fatidica soglia dei 25 milioni. Anzi, si è spinto oltre ogni immaginazione: esattamente 24 milioni più due di bonus in caso di Champions e altri due con lo scudetto in tasca. “La trattativa è reale e in fase avanzata”, giura il numero uno biancoceleste a Radio Kiss Kiss. Come accaduto con Bielsa – scrive stamattina IlMessaggero – adesso c’è Antonio con le spalle al muro. Voleva andar via a gennaio? Ecco l’offerta giusta, anche per lui: triennale da 3 milioni più premi. Poco importa che non gradisca la piazza azzurra e preferisca l’Inter: il suo estimatore Mancini sarà pure infuriato, ma i cinesi nerazzurri non sono andati oltre i 22 milioni. E che dire del Chelsea? Candreva sarà pure un pupillo di Conte, ma della sbandierata proposta british da 30 milioni non ce n’è traccia. Così Lotito esce allo scoperto, avverte le altre pretendenti, le spinge a fare una contromossa in tempi brevi. Altrimenti il suo esterno non avrà altra chance all’infuori di Napoli. Già a maggio De Laurentiis aveva sondato il giocatore e fiutato uno scambio con Gabbiadini. Trattativa arenatasi subito per la mancata volontà d’Antonio di trasferirsi all’ombra del Vesuvio. Adesso, con l’approdo di Bielsa, l’affare si fa tutto cash: l’agente Pastorello, tra l’altro uomo vicinissimo a Lotito, deve convincere Candreva. Perché questa è una proposta indecente e dalla sua cessione passa tutto il mercato biancoceleste.

AGGIORNAMENTO ORE 14:30 – Altro che trattativa, Napoli e Lazio hanno già chiuso fra di loro l’affare Candreva: 24 milioni più 1 di bonus al club bianoceleste, Lotito ieri ha stretto la mano a De Laurentiis.  Ma – secondo le nostre indiscrezioni – l’esterno al momento dice no e si mette di traverso. Antonio continua a tergiversare perché vuole l’Inter (ferma a 22 milioni), in primis, oppure il Chelsea del maestro Conte, che non ha ancora presentato un’offerta. L’agente Pastorello, tra l’altro uomo fidato di Lotito, sta provando a convincerlo in tutti i modi… Al momento però il calciatore continua a non gradire la piazza partenopea, esattamente come due mesi fa, quando poteva essere inserito nell’affare Gabbiadini. I 25 milioni di Candreva però ora servono come il pane a Lotito per pagare Caio, Valencia e Pato…

AGGIORNAMENTO ORE 13:50 – E arrivò anche la conferma di Lotito a Radio Kiss Kiss: “Stiamo trattando Candreva col Napoli”, avrebbe confermato in privato. Anche le cifre relative alla trattativa che porterebbe Antonio  maglia azzurra, cioè circa 24 milioni di euro. Ora, dunque, si attente solo l’assenso del calciatore per chiudere la trattativa.

ROMA – Il Napoli insiste per Antonio Candreva. L’interesse della società del presidente De Laurentiis per l’esterno della Nazionale è molto concreto e l’ultima offerta presentata alla Lazio in serata è di 24 milioni più bonus. Una cifra importante, con la quale il Napoli sembra aver scavalcato l’Inter, che difficilmente deciderà di rilanciare. E lo stesso Candreva – riporta gianlucadimarzio.com – dopo aver aspettato i nerazzurri in queste settimane, ora ha aperto alla possibilità di un suo trasferimento alla corte di Sarri. Il Napoli accelera per Candreva che ora si avvicina agli azzurri. Intanto sul mercato della Lazio è spuntato un retroscena niente male: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy