All’Olimpico vince il nervosismo: il derby termina 0-0

All’Olimpico vince il nervosismo: il derby termina 0-0

Bruno Peres fermato dal palo, Dzeko dalla traversa. Occasionissima per Marusic

di redazionecittaceleste

ROMA – Tra la voglia di riscatto della Lazio e la voglia di conferme per la Roma, a vincere è il pareggio: tanta aggressività, tanta organizzazione ma poche vera occasioni da gol in un derby bloccato. Biancocelesti in 10 per gli ultimi dieci minuti di gioco (espulso Radu per doppia ammonizione). Le romane picchiano duro in campo, ma in classifica non si fanno male: un punto a testa per Lazio e Roma dopo un’ora e mezza di battaglia.

AGGRESSIVITA’

La Lazio parte subito bene: spinge, pressa, non sente la pressione di una settimana vissuta con sentimenti diametralmente opposti a Roma. I giallorossi, dall’altra parte, rispondo colpo su colpo. La grande intensità porta a diversi errori di misura. Felipe Anderson sguscia via diverse volte, ma non riesce mai a trovare lo spunto giusto per rendersi davvero pericoloso nell’area avversaria. Parolo ha un paio di buone occasioni, ma in nessun caso riesce a far male. Immobile, invece, viene fermato più volte in posizione fuorigioco. L’occasione più grande è per la Roma: al minuto 37, Nainggolan trova lo spiraglio giusto e pesca Bruno Peres in area, il terzino calcia e il pallone sbatte sul palo. Primo tempo all’insegna del nervosismo, come ha dichiarato Radu al termine dei primi 45′ di gioco. Tanti falli, quattro ammoniti. E risultato ancora fermo sullo 0-0.

SECONDO TEMPO

Inzaghi non fa cambi, la sua Lazio continua a spingere anche a inizio secondo tempo: Felipe Anderson sempre pericoloso con le sue galoppate, ma la retroguardia giallorossa riesce sempre a contenerlo in qualche modo. Di Francesco, al 10′ della ripresa, decide di giocarsi la carta Under, il turco un paio di minuti più tardi serve Dzeko che sposta il pallone in area ma calcia alto. Inzaghi risponde togliendo Anderson e Lulic, dentro Luis Alberto e Lukaku. Al 20′, Milinkovic fa un assist geniale (pallonetto!) per Immobile, l’attaccante partenopeo prova il tocco di esterno ma non inquadra la porta. Al 70′, punizione di Luis Alberto, De Rossi colpisce male e rischia l’autogol.  Cinque minuti più tardi, il numero 18 biancoceleste ci prova da fuori area: palla fuori di poco. Il derby è vivo, le squadre hanno voglia di vincere. Ma il match non si sblocca. Al 35′, Radu già ammonito ferma Under e prende il secondo giallo: Lazio in dieci. Occasione clamorosa per i biancocelesti al 38′: Marusic è solo davanti ad Alisson dopo un batti e ribatti, la conclusione del Montenegrini viene contrastata dal recupero di El Shaarawy. Al 90′, Strakosha risponde a Dzeko e tiene il risultato sullo 0-0. Trenta secondi più tardi è la traversa a salvare la Lazio, su colpo di testa del numero 9 giallorosso. A tempo praticamente scaduto, Milinkovic prova il gol dalla sua metà campo. E la palla non va fuori di molto. Finisce così: pareggio a reti inviolate all’Olimpico, con qualche brivido finale per i ragazzi di Inzaghi.

Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy