Ag.Milinkovic: “Lui via dalla Lazio? Ha appena rinnovato…”

Ag.Milinkovic: “Lui via dalla Lazio? Ha appena rinnovato…”

Sergej Milinkovic

ROMA – Il futuro di Sergej Milinkovic-Savic è nelle mani della Lazio e di Mateja Kezman. L’ex attaccante serbo di Psv e Chelsea – scrive tuttosport – è molto più che un procuratore per il centrocampista di Simone Inzaghi. Kezman è stato il grande scopritore del talento laziale: «Mi bastò vedere Sergej dieci minuti in campo durante un allenamento delle giovanili della Vojvodina per capire le sue enormi potenzialità».

Lei che ha giocato con tanti campioni – Drogha. Robben. Torres… – in Milinkovic-Savic rivede qualcosa dei big del suo periodo?
«Sergej è speciale: abbina forza, corsa e tecnica. E’ difficile fare paragoni».

Sorpreso dell’esplosione così rapida di Sergej?
«No! E’ un talento top e quello di cui aveva bisogno era un club come la Lazio e un allenatore come Inzaghi, che sta facendo il meglio e il massimo per lui. Sergej è molto contento di averlo come tecnico».

Nonostante il valore di Milinkovic-Savic sia schizzato attorno agli 80 milioni, le big sono pronte a sfidarsi la prossima estate. La Juventus sarà una di queste.
«Sergej è molto felice alla Lazio e ha rinnovato da poco il contratto …».

Sabato Milinkovic-Savic sarà uno degli osservati speciali dei bianconeri: che partita si aspetta?
«Questa stagione la Lazio ha già battuto la Juventus in Supercoppa, per cui mi aspetto una gara equilibrata: 50 e 50. I bianconeri non sono più quelli dello scorso anno, ma stanno facendo molto bene. Questa Lazio è una bella squadra: c’è la giusta atmosfera, una mentalità vincente e la panchina lunga».

Chi è il suo giocatore preferito nella Juventus?
«Mi piace parecchio Dybala. E’ un giocatore magico, di quelli che diverte».

Considera Higuain uno dei tre migliori numeri 9 del mondo?
«Lo scorso anno è stato uno dei top d’Europa, mentre in questa stagione ha avuto qualche problema. Ma sono certo che presto tornerà a dimostrare di essere il migliore».

Nell’archivio di Tuttosport abbiamo trovato tanti articoli su di lei. Quanto è stato vicino alla Juventus in passato?
«Quando sulla panchina della Juve c’era Ancelotti, mio padre parlò col club, ma poi alla fine mi trasferii altrove».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy