#LIBERALALAZIO, parla la Nord: “Ecco perchè protestiamo, ecco cosa vogliamo”

#LIBERALALAZIO, parla la Nord: “Ecco perchè protestiamo, ecco cosa vogliamo”

ROMA – In tanti, quasi tutti, oggi contro Lotito. E come riporta il Corriere della Sera oggi, le ragioni sono state più volte spiegate dal tifo biancoceleste. «Lotito utilizza il club solo per i suoi interessi personali – ha spiegato Alessandro, uno dei responsabili della Nord – La Lazio è…

ROMA – In tanti, quasi tutti, oggi contro Lotito. E come riporta il Corriere della Sera oggi,  le ragioni sono state più volte spiegate dal tifo biancoceleste. «Lotito utilizza il club solo per i suoi interessi personali – ha spiegato Alessandro, uno dei responsabili della Nord – La Lazio è il quinto club italiano per bacino d’utenza, ma il salto di qualità promesso è sempre rimasto sulla carta. Perché? E perché acquistiamo giocatori come Barreto, Alfaro o Perea e non rinnoviamo il contratto ad Hernanes? La Lazio non è più un punto d’arrivo ma solo un trampolino per poi fuggire via: noi non possiamo accettarlo».Per questi motivi questa sera all’Olimpico arriveranno oltre 40mila persone al grido «Libera la Lazio». Un grido civile, anzi una contestazione civile, come più volte chiesto dagli organizzatori attraverso ripetuti appelli. «Noi vogliamo riportare la gente allo stadio, vicino alla Lazio – ha ribadito Alessandro – perché molti si sono allontanati sentendosi deturpati da Lotito, tutto fuorché un tifoso biancoceleste. Tanta gente è stanca diquesta gestione sempre al centro degli scandali, tra Calciopoli e il calcioscommesse. Ora basta, Lotito deve andare via e lasciare spazio a chi veramente vuole bene alla Lazio».

 

 

A sentire lo stesso presidente, del resto, ma anche il tecnico Edy Reja, Lotito (costretto da tempo a girare sotto scorta) vuole bene alla Lazio, eccome. «Conosco il presidente da tempo – ha spiegato l’allenatore goriziano alla vigilia della sfida al Sassuolo – e cerca sempre di agire in buona fede. Certe volte raggiunge gli obiettivi, altre no: ma Lotito vuole il bene e non il male della Lazio, vuole rinforzare e non certo indebolire la squadra». I tifosi, però, non ne sono convinti. E il clima atteso stasera all’Olimpico – dopo la contestazione cominciata giovedì alla fine della partita persa col Ludogorets – preoccupa Reja:«È inutile nasconderlo, il clima è difficile e può condizionare. Ma io sono sicuro che i tifosi presenti all’Olimpico aiuteranno la squadra: lo chiedo ai veri laziali, ne abbiamo bisogno». Basterà la preghiera di Reja per fermare la contestazione anti-Lotito? (Corriere della Sera)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy