Lazio-Verona, Pecchia: “Questa Lazio è più matura e più forte di quella che si qualificò in Champions”

di redazionecittaceleste

ROMA – Fabio Pecchia, alla fine della partita contro Lazio ha parlato in conferenza stampa:  “Siamo stati troppo timidi. Si sono create delle situazioni che avremmo potuto sfruttare in modo diverso. I gol della Lazio hanno rotto i nostri equilibri. Speravamo di fare qualcosa in più. Davanti avevamo una squadra molto forte, ma avremmo dovuto avere un atteggiamento diverso. Noi dobbiamo continuare a giocare con la convinzione che ogni partita possa essere risolta a nostro favore. Oggi, dopo il gol di Immobile abbiamo perso fiducia, questo è un errore. Poi è logico, con la Lazio la sconfitta ci può stare, ma dobbiamo migliorare in termini di concentrazione”. Il tecnico poi ha continuato dicendo che: “Lazio molto carica che ci ha tenuti sempre bassi. Non eravamo venuti qui con l’intento di fare dei punti. Abbiamo affrontato squadre di grande spessore, però dobbiamo cercare di fare punti contro chiunque. Io non son quale sarà la quota salvezza, ma c’è rammarico stasera: a Firenze siamo ripartiti bene e abbiamo qualità importanti quindi dobbiamo sfruttarle meglio. Credo che il problema sia l’approccio alla gara con personalità ed entusiasmo, per poter dare la giusta lettura alle situazioni, soprattutto quelle in campo aperto. Stasera la forza della Lazio, gli errori commessi non ci hanno permesso di tenere viva la partita. I biancocelesti nella prima mezz’ora hanno potuto fare solo la fase d’attacco con giocatori di tecnica e fisicità”. L’allenatore clivense ha poi evidenziato come: “Questa Lazio è più matura e più forte di quella di tre anni che si qualificò per la Champions. Basta pensare che Felipe Anderson adesso non entra in campo e allora era titolare. Ha ottime possibilità di centrare la Champions. Duello con la Roma? Entrambe sono squadre di qualità e possono centrare al terzo posto. La differenza la faranno i dettagli. Caceres? È un grandissimo protagonista, è stato un onore allenarlo per qualche mese ed è una grave perdita la sua cessione”.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK!

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:

PREMIO BEARZOT: IN LISTA ANCHE INZAGHI 

I 28 ANNI DI CIRO: TANTI AUGURI AL CAPOCANNONIERE 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy