• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

La Lazio B non convince, la Lazio A vince

Questo il commento dell’esordio in Europa League

di redazionecittaceleste

ROMA – Non è ancora una Lazio per le riserve. Il Vitesse è poca roba, bisognerebbe asfaltarlo. Invece i biancocelesti decidono d’attendere l’avversario, manco fosse Juve o Milan, e nel primo tempo pagano subito il primo errore difensivo: Luiz Felipe lascia troppo spazio a sinistra a Rashica, che crossa e trova al 33′ il tapin facile facile di Matavs, mollato prima da Marusic e poi sopratutto da Bastos. Nella ripresa Inzaghi riesce a ribaltare il risultato soltanto con i titolarissimi in campo. Due svarioni identici sulle fasce complicano il debutto europeo, ma nella ripresa ecco le reti degli uomini della provvidenza.

RIPRESA

Si riparte in Europa da dove si era usciti. Da un gol di Parolo, come il 10 marzo 2016 contro lo Sparta Praga. Carambola in area, siluro al volo di Marco e pari in saccoccia. Anzi no. Perché nella nuova difesa a 4 è deleterio Lukaku: come Luiz Felipe nel primo tempo, il belga si perde il cross di Rashica, Marusic Linssen sul secondo palo e il Vitesse ripassa in vantaggio. Solo provvisorio perché c’è Ciro in campo. Decisivo tuttavia un tacco geniale di Caicedo, sino a quel momento un po’ spaesato. Immobile-gol e Immobile assistman con un altro uomo della provvidenza: appannato nei primi 45′, Murgia si sveglia dopo l’intervallo e, con una palla solo davanti la porta, non sbaglia. Tre a due, un altro debutto sofferto, ma anche stavolta fortunato.

Cittaceleste.it

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy