Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

La Lazio e la reazione immediata: Inzaghi vuole un segnale forte

Ciro Immobile, attaccante della Lazio

C'è bisogno di reagire dopo la sconfitta nel derby, bisogna guardare avanti verso un campionato ancora apertissimo

cittacelesteredazione

di Simone Cesarei

ROMA- Una sconfitta che brucia, un ko meritato. Il trionfo della Roma nel derby di sabato scorso ha aperto una fase di riflessioni e analisi in quel di Formello. Simone Inzaghi sta passando al setaccio la stracittadina per capire quale sia stata la causa di un tonfo cosi rumoroso. "Non dovevamo commettere quei due errori, i derby sono così, ne ho giocati tanti… Gli episodi sono stati favorevoli alla Roma, ma per demerito nostro.Cerchiamo di ripartire da questa sconfitta. E’ difficile, ma ripartiremo meglio di prima”. Ripartire, dunque. E' questa la parola d'ordine in casa Lazio. Cercare di evitare ricadute per continuare la propria marcia, sia in campionato che in Europa League. Il calendario offre subito la possibilità di riscattarsi: Vitesse giovedi e Fiorentina domenica, entrambe all'Olimpico. Cogliere due vittorie vorrebbe dire dare un segnale forte all'intera Serie A, far capire che la Lazio non è forte solo sul campo, ma anche nella testa. Che il derby è archiviato, e che ci sarà tempo nell'arco del campionato per recuperare il terreno perduto, quei tre punti maledetti.

REAZIONE

Non chiede altro, Simone Inzaghi. La Lazio in questo momento delicato, non deve perdere certezze, archiviare il derby per quello che è: una partita a parte. Una gara giocata male, in cui il risultato è giusto per quello che si è visto in campo, ma che si può dimenticare in fretta. I tifosi saranno sempre al fianco di Immobile e compagni, sempre pronti a suonare la carica, verso obiettivi sempre più ambiziosi. Per tornare nell'Olimpo del calcio però Inzaghi dovrà lavorare tanto sulla testa dei suoi, specialmente sull'approccio ai secondi tempi. Come riporta Il Corriere dello Sport infatti, sono ben 9 i gol subiti dalla Lazio nei primi 15 minuti della ripresa in questo campionato. Numeri preoccupanti, che finora non hanno intaccato i risultati della truppa di Inzaghi, ma che alla lunga potrebbero costare carissimo, come è successo contro la Roma. Due gol in quattro minuti, un avvio di ripresa che ha messo in ginocchio la Lazio, e che ha portato alla disperazione finale. Dovrà lavorare tanto, Simone Inzaghi. Perchè se si vuole tornare grandi non ci si può permettere cali del genere, specialmente con il risultato ancora in bilico. La Lazio finora sta stupendo tutti con un campionato da favola, ma non deve accontentarsi. I biancocelesti hanno ancora grandi margini di miglioramento, ma solamente ammettendo e analizzando i propri limiti potranno raggiungere il loro massimo potenziale.

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso