Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Cena di Natale in casa Lazio, Lotito riabbraccia i tifosi ma non de Vrij

ROMA – Serata finita a SpazioNovecento, è tempo di tornare a casa. Da domani la Lazio dovrà preparare la sfida con il Crotone e con la Fiorentina, prossimi appuntamenti dei biancocelesti. Due match da non sbagliare, Inzaghi come regalo...

redazionecittaceleste

ROMA - Serata finita a SpazioNovecento, è tempo di tornare a casa. Da domani la Lazio dovrà preparare la sfida con il Crotone e con la Fiorentina, prossimi appuntamenti dei biancocelesti. Due match da non sbagliare, Inzaghi come regalo per Natale non chiede altro: "Cosa vorrei trovare sotto l'albero? La vittoria con i viola e con il Crotone". Il mister vuole finire alla grande il 2017, che ha regalato comunque tante soddisfazioni: "Abbiamo ottenuto ottimi risultati quest'anno. Voglio ringraziare anche il mio staff, senza di loro non avremmo potuto fare tutto questo. Ringrazio le nostre famiglie che ci supportano e sopportano. Ovviamente un grazie anche alla società, che mi ha dato questa grande chance. I veri protagonisti però sono i miei ragazzi, che mi hanno aiutato a portare in alto il nome della Lazio in Italia e in Europa". Anche i giocatori non vogliono commettere altri passi falsi, tutti hanno in mente un solo obiettivo: andare in Champions League.

LOTITO NON DIMENTICA I TIFOSI

Una notte piena di lazialità, grazie anche alla presenza del comico Enrico Montesano, che sul palco ha fatto divertire tutti i presenti. Al termine della cena, alcuni giocatori rappresentativi hanno dato spettacolo, tra tutti Parolo e Immobile. Quest'ultimo ha voluto ringraziare i compagni per i tanti gol che è riuscito a segnare, soprattutto Leiva: "Mi hai fatto sbloccare con il Cittadella". Ironizza Ciro. L'ultima parola però è stata del patron biancoceleste Claudio Lotito: "Ringrazio tutti quelli che sono presenti e quelli che non sono presenti, ovvero i tifosi. Uniti si vince. La gente pensa che io attraverso mezzi materiali abbia ritrovato il tifo. Non è così, ci sono riuscito grazie al sacrificio e alla determinazione, non solo mia ma di tutta la squadra. Ricevo congratulazioni da tutti. In tanti mi dicono che ho una squadra di campioni, dentro e fuori dal campo. Noi rivendichiamo i valori della Lazio, che vince attraverso il merito e il sacrificio e alla voglia di non mollare. Il merito è soprattutto di Inzaghi, che incarna questi valori. Ho ritrovato una forte lazialità in giro, ieri a Salerno i tifosi campani mi hanno fatto i complimenti. La squadra già ha ottenuto vittorie importanti, come la Supercoppa. Se riusciremo a continuare così daremo grandi soddisfazioni non solo ai laziali, ma al popolo italiano. Dopo la vittoria ad agosto in tanti mi hanno chiamato dicendo che stavano godendo, e non erano laziali. Non passa lo straniero, porteremo a casa i risultati. Oggi ci siamo e ci saremo anche domani, più forti e organizzati. A Roma rappresentiamo la storia e vogliamo rappresentarla con le vittorie in campo".

RINNOVO DE VRIJ

Uno dei più attesi era sicuramente de Vrij. Il rinnovo del difensore olandese non arriva e i laziali hanno paura di perderlo. Il centrale biancoceleste è già proiettato al 2018, ma è ancora incerta la sua permanenza a Roma: "La polemica con gli arbitri? Il passato non si può cambiare, adesso pensiamo al futuro. Con Il Crotone dobbiamo assolutamente vincere per restare con le prime quattro. Il mio bilancio annuale? Non ci ho pensato, penso al 2018 adesso. Un regalo per Natale ai tifosi della Lazio? Non lo so". I tifosi biancocelesti ci sperano, ma de Vrij non è mai stato così lontano dalla Lazio. Caressa intanto non ha dubbi: Milinkovic è il più forte in Europa: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it