LAZIO: E’ UN PARI SALVAFACCIA

LAZIO: E’ UN PARI SALVAFACCIA

Il gioco non esiste più e lo sottolineano ad alta voce in panchina gli “esclusi” romani Cataldi e Candreva

1 Commento

ROMA – Convizione nell’ugola: “C’avete rotto il c…”, cantano i reduci in Nord e i laziali nei Distinti. Non si tratta dell’allarme scattato in tribuna per uno zainetto incustodito. I tifosi esplodono al 22’, quando un diagonale dalla distanza di Lazaar viene intercettato da Goldaniga sulla linea d’area biancoceleste: il difensore calcia un rasoterra, che viene solo sfiorato da Marchetti. Lazio sotto contro la squadra che finora era passata in vantaggio appena 2 volte in 12 giornate. Sbaglia sulla rete rosanero forse il migliore dei primi 45’: Milinkovic non esce subito e tiene in gioco Goldaniga. Ma il serbo mezzala è l’unico che sembra non aver paura in campo. Sbagliano tutti i passaggi, Keita è un fantasma, Biglia e Parolo i cugini di loro stessi, Lulic un disastro in difesa, nonostante salvi il raddoppio alla fine del primo tempo e si conquisti il rigore nella ripresa. Questo pari non sa comunque di guarigione.

INCERTEZZA – Il gioco non esiste più e lo sottolineano ad alta voce in panchina gli “esclusi” romani Cataldi e Candreva. Murelli s’infuria e li va a riprendere, ma la tensione sale alle stelle, almeno in panchina. Perché rimane invece surreale l’atmosfera sugli spalti di un Olimpico deserto e blindato. I metal detector scannerizzano l’aria, i poliziotti restano vigili dopo i tragici fatti di Parigi. C’è paura nel cielo, un po’ meno in tribuna con il ministro Alfano (tifoso del Palermo) una soggiola sotto Lotito “pezzo di m…”. Sente il solito coro, il presidente, amplificato da una Lazio che non riesce più né a vincere né a reagire.

IL RIGORE – Su un colpo di testa di Djordjevic è bravo Sorrentino. Poi sgomita e basta, Filip, lì davanti. E lo fa persino troppo quando nella ripresa Hoedt segna. Pari annullato, rischio raddoppio del Palermo 5 minuti più tardi. Fra i fischi, salva la faccia e la Lazio, Marchetti: due miracoli su Chochev e uno su Rigoni. Entrano Matri e Candreva, ma la storia cambia grazie a un rigore centrato da Lulic: Antonio si presenta sul dischetto e fa centro. Il primo stagionale con la maglia della Lazio. Aveva segnato venerdì scorso con l’Italia, non si sblocca in campo. Fermato due volte nello slalom, è difficile dribblare questo momento.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianlucadelr_516 - 2 anni fa

    la lazio è ottava e lotito non cambia allenatore aspetta a fine stagione forse. La lazio da tempo sembra il fate bene fratelli e aiuta squadre inferiori a fare punti. Io non vedo le partite da tempo perchè si fa gioco scadente e pioli usa frasi fratte di aspettare ma forse non si è accorto che il girone di andata è quasi finito. Poi sti mercenari come biglia gentiletti marchetti anderson e pure candreva cosa aspettano a andarsene. Poi siccome deve giocare con empoli e juve si fa tragica la cosa ancora peggio di ora. Lotito se non se ne vuole andare per il prossimo campionato si deve usare anche vie legali per cacciarlo. Mentre pioli se ne andasse ora subito a quel paese insieme a gennaio poi di quei giocatori detti prima perchè se no la alzio finisce il campionato al tredicesimo quattordicesimo posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy