Meghni: “Ho deciso di smettere. Luis Alberto mi somiglia”

Meghni: “Ho deciso di smettere. Luis Alberto mi somiglia”

di redazionecittaceleste

ROMA – Mourad Meghni, ex calciatore biancoceleste, è tornato a parlare di Lazio ai microfoni di Radiosei: “Fino all’anno scorso giocavo in Algeria, quest’anno invece ho deciso di smettere avendo fastidio al ginocchio. Ho ripreso in Francia, insieme a mio fratello, il calcio a cinque che mi permette di giocare insieme agli amici nella città in cui sono cresciuto. La Serie A mi manca dopo dieci anni in Italia, è normale avere nostalgia. Mi auguro di vedere la Lazio in Champions, sarebbe fantastico rivederla al top. Sta facendo un bel campionato: le concorrenti sono squadre di esperienza, ma può arrivarci. Ha giocatori di livello e bisognerà puntarci anche l’anno prossimo”.

SALISBURGO – “È una bella squadra: sarà difficile, ma ci credo. Hanno battuto il Dortmund e bisognerà stare attenti soprattutto in Austria sul campo sintetico. Loro giocano un calcio veloce, però è comunque una sfida alla portata della Lazio. La partita vinta con il Werder Brema è il mio ricordo più bello, fu una bellissima serata. Mi sentivo molto bene, poi fu l’unico successo casalingo in Champions League. Non dimentico anche il trionfo in Coppa Italia. Gli infortuni a ripetizione sono invece il ricordo meno bello. Il gol sbagliato col Real? Pensavo di essere in fuorigioco e con Pepe alle spalle mi sono precipitato a tirare”.

SOMIGLIANZE – “Sono arrivato nello stesso anno di Radu. Sono contento per lui, è un bravo ragazzo e mi fa piacere sia rimasto tutti questi anni alla Lazio. Spesso sono gli infortuni a rallentarti impedendoti di trovare continuità. Luis Alberto? Ha qualità, cerca l’assist. Segna di più di me, anche se penso di somigliargli”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

BALLOTTA: “IMMOBILE TOP PLAYER, LEIVA UN ESEMPIO”

Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy