Reja: “Per due volte non ho risposto a Lotito”

Reja: “Per due volte non ho risposto a Lotito”

ROMA – Al termine di Lazio-Inter, il tecnico biancoceleste Edoardo Reja, ha analizzato ai microfoni di Sky il primo acuto della sua seconda gestione: “La squadra era molto preoccupata, non riusciva a fare due o tre passaggi. Abbiamo affrontanto l’Inter senza rischiare niente, perchè se gli dai spazi l’Inter ti…

ROMA – Al termine di Lazio-Inter, il tecnico biancoceleste Edoardo Reja, ha analizzato ai microfoni di Sky il primo acuto della sua seconda gestione: “La squadra era molto preoccupata, non riusciva a fare due o tre passaggi. Abbiamo affrontanto l’Inter senza rischiare niente, perchè se gli dai spazi l’Inter ti punisce. Abbiamo aspettato e pazientato, consapevoli di non essere nelle condizioni migliori, abbiamo fatto le stesse cose che ha fatto l’Inter. Avuta una sola occasione e l’abbiamo sfruttata”.

Cambiano gli obiettivi dopo questa vittoria?
“Non possiamo guardare troppo avanti, eravamo preoccupati, ma questa squadra può fare molto ma molto di più. Intanto spero che questa vittora dia un po’ di tranquillità”.

Klose ed Hernanes sono i calciatori che possono fare la differenza in questa Lazio?
“Anche Lulic e Candreva, sono giocatori che possono fare molto di più. Oggi abbiamo trovato compattezza dietro”.

Si è affidato a giocatori che conosceva, specie in difesa, come mai?
“Dias e Biava sono tra i difensori più forti del campionato se stanno bene. E’ una coppia perfetta, nei tre anni in cui sono stato qui hanno avuto un rendimento altissimo”.

Come ha fatto Lotito a convincerla a tornare dopo gli screzi passati?
“Col presidente ci siamo sentiti spesso in questi mesi. Nel momento in cui la Lazio ha avuto bisogno alle prime due telefonate non ho risposto, poi ho accettato perchè penso di poter dare ancora molto a questa squadra. Per me che ho iniziato tanti anni fa, non mi pareva giusto chiudere così”.

Il Napoli ti ha mai fatto una offerta per fare il direttore tecnico?
“Con De Laurentiis si parlava di una soluzione esterna, visto che lui vuole un club satellite all’estero, poi è arrivata la Lazio. A Formelo è stato emozionante ritrovare tutti”. (Tmw)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy