ESCLUSIVA – Sull’orlo del precipizio. Tare avverte Pioli: le 3 gare della verità. L’ombra di Guidolin e le suggestioni Lippi-Prandelli sullo sfondo…

ESCLUSIVA – Sull’orlo del precipizio. Tare avverte Pioli: le 3 gare della verità. L’ombra di Guidolin e le suggestioni Lippi-Prandelli sullo sfondo…

SULL’ORLO DEL PRECIPIZIO – Tare avverte Pioli: le 3 gare della verità. L’ombra di Guidolin e le suggestioni Lippi-Prandelli sullo sfondo…

NUMERI - Pioli, primo nel girone eguaglia Petkovic

ROMA – Anche Stefano Pioli è sulla graticola. Rischia l’allenatore della Lazio, che oggi ha subito i colpi verbali di un Tare furente negli spogliatoi del Centro Sportivo di Formello. Seduta affidata a Fonte e tecnico all’angolo. Il DS è stato chiaro: le prossime tre partite decideranno il suo futuro ma non è escluso che un doppio passo falso contro Dnipro ed Empoli non possa accelerare i tempi tecnici del K.O. Dalle stelle alle stalle in sei mesi, la creatura di Pioli è passata dall’incantare le folle a fomentare delusione, rabbia, frustrazione. Capro espiatorio o no, adesso l’allenatore deve invertire la tendenza. Avrà a disposizione un ritiro e poco altro. Le suggestioni Lippi e Prandelli rimangono in piedi anche se necessitano di trattative non certo all’acqua di rose. L’alternativa più concreta diviene così Guidolin, ansioso di tornare a sedersi su una panchina. Da depennare Walter Mazzarri: i suoi 3,6 milioni di euro annui di stipendio sono inarrivabili e neanche trattabili viste le offerte sostanziose già pervenute al suo agente, Andrea D’Amico, dall’estero.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy