PRIMAVERA – L’orgoglio della Lazio strappa un punto a Latina

PRIMAVERA – L’orgoglio della Lazio strappa un punto a Latina

L’orgoglio della Lazio strappa un punto a Latina

orgoglio

LATINA – Dopo la bella vittoria nella Wojtyla Cup contro la Lega Nazionale Dlettanti, la squadra di Inzaghi si rituffa in campionato. Lazio che si presenta all’ex Fulgorcavi contro il Latina, con Palombi trequartista alle spalle di Calì e Rossi.

Latina subito pericoloso con Atiagli, ma è bravissimo Manoni a sbarrargli la via della rete. La Lazio reagisce e va vicina al gol con Rossi, ma la difesa pontina si salva alla disperata. Errore di Germoni e il Latina passa in vantaggio con Taider che, riceve l’assist a porta vuota di Kasai che ruba palla al terzino biancoceleste da ultimo uomo e serve l’assist al compagno che porta in vantaggio la squadra di casa.

REAZIONE – La squadra di Inzaghi regisce e perviene al pareggio con Murgia, grazie a un preciso tiro dalla distanza che trova la complicità di un difensore del Latina. Poi è Palombi ad andare vicino al vantaggio ma il pallone termina di poco a lato.

ATIAGLI PROTAGONISTA – Dopo due minuti è ancora il classe 96 a mandare in barca la difesa della Lazio: filtrante per lui e incrocio mancino che supera Matosevic per la seconda volta. Inzaghi opta per un doppio cambio: fuori Borecki e Folorusho dentro Beqiri e Rokavec. Il più anziano dei pontini fa impazzire la retroguardia biancoceleste che riesce con molta fatica a contenerlo. Nel finale Inzaghi getta nella mischia anche Bezziccheri ma il risultato non cambia: anzi la squadra di Ghirotto avrebbe l’opportunità di triplicare le marcature con Macchioni che copilsce la traversa.

L’ORGOGLIO – Come un’araba fenice la Lazio rinasce dalle sue ceneri e a 4 minuti dal termine trova il pareggio di Calì, alla seconda marcatura personale in questo campionato. Con questo pareggio la Lazio rimane sola al quinto posto in classifica, si salva il carattere degli uomini di Inzaghi mai domi dal primo al novantacinquesimo, ma c’è ancora tanto da lavorare. Nel finale convulso vengono espulsi mister Inzaghi e un membro della panchina del Latina, insieme al difensore pontino Matino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy