LAZIO, FLOP ABBONATI – Ora è ufficiale: sono solo 13.700. E’ il secondo peggior dato dell’era Lotito

LAZIO, FLOP ABBONATI – Ora è ufficiale: sono solo 13.700. E’ il secondo peggior dato dell’era Lotito

Solo nel 2010-11 il club registrò meno abbonati: furono 12.877

Salomone

ROMA – Il gong è scattato ieri alle 18.30, il flop è confermato. Sono stati sottoscritti 13.700 abbonamenti, rispetto all’inizio della settimana c’è stata una piccola risalita (lunedì la quota era 12.300). L’anno scorso erano stati distribuiti 17.400 abbonamenti. La Champions è stata sfiorata ed è sfumata, la società sperava di confermare (come minimo) gli abbonati dell’annata 2014-15. E invece ha dovuto registrare il secondo peggior dato dell’era Lotito. Nel 2010-11 gli abbonati furono 12.877. Hanno inciso tanti fattori. 1) I prezzi più alti e la scarsa considerazione dei tifosi. 2) Il mercato incompleto. 3) La nuova diserzione della Nord, ha deciso di entrare allo stadio pagando il biglietto di turno in turno (da domani in poi). Il calo c’è stato, le presenze totali sono diminuite rispetto alla prima parte del 2015. L’onda delle vittorie e la scalata da terzo posto avevano generato entusiasmo. Si battevano i record di spettatori, si registravano dati impensabili rispetto al passato recente, lotitiano. Furono utili le agevolazioni decise in corsa. I prezzi dei biglietti – scrive il Corriere dello Sport – s’abbassavano in base alle presenze allo stadio, si ragionava a mo’ di premio. C’erano delle scadenze, si potevano acquistare i tagliandi a minor prezzo (Curve e Distinti a 14 euro). In Lazio-Verona e Lazio-Empoli si contarono rispettivamente 40mila e 49mila spettatori. La campagna abbonamenti 2015-16 avrebbe potuto attirare una parte di quel patrimonio umano, ma è stata presentata con prezzi più alti, non accadeva da 11 anni. La motivazione è stata questa: quelli del passato erano fuori mercato rispetto alla concorren- za vicina e lontana e ha inci- so la crescita del club (il ter- zo posto).

La posizione. Gli abbonati sono 13.700, vanno considerate 3.600 tessere Aquilotto. Sono le vecchie tessere Cucciolone riservate ai nati dopo l’1 gennaio 2001. Una volta avevano un costo simbolico (1 euro), quest’anno costano 50 euro: «Per quanto riguarda gli abbonati con tessere intere il dato è aumentato rispetto alla scorsa stagione», ha dichiarato Angelo Cragnotti alla radio del club, è il responsabile della biglietteria. La delusione è forte, il calo è evidente al di là di ogni calcolo incrociato, di ogni modalità di tessera pesata sulla bilancia. Lotito, prima di quest’anno, aveva contato meno abbonati solo nel 2010-11 (12.877), nel 2006-07 (14.809) e nel 2007-08 (14.943). Dopo la risalita del 2013-14 (23.173 abbonati) è iniziata la discesa. Nel 2012-2013 la Lazio vinse la Coppa Italia contro la Roma e successivamente fallì il salto. Siamo sempre lì, al solito punto.L’Udinese. Qualcosa s’è mosso al botteghino negli ultimi giorni. Sino a giovedì erano stati venduti solo 4mila tagliandi per Lazio-Udinese, la quota è salita a 10mila. Per domani sono attesi poco più di 25mila spettatori totali. I prezzi al ribasso sono proposti in Europa League (Curve e Distinti a 14 euro). All’Olimpico si giocherà sempre alle 19, in un orario scomodo. Non aiuta neppure il calendario.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy