FELIPE STAGIONE – Scongiurato l’assalto del Manchester, Anderson deve rinascere ancora

FELIPE STAGIONE – Scongiurato l’assalto del Manchester, Anderson deve rinascere ancora

Rifiutata l’offerta da 45 milioni dello United, che però continuerà a seguirlo. Il brasiliano ora deve riprendersi: in panchina al Bentegodi, è in calo dall’ultima giornata dell’anno scorso a Napoli, quando finì in lacrime per l’errore sul 2 a 2 di Higuain

Commenta per primo!
Felipe

ROMA – Oggi, finalmente, io Magno Felipe. Nessuna cessione, tappatevi la bocca. Mercato chiuso in Premier: «Anderson is Lazio and stop», aveva ben tuonato qualche laziale sulla bacheca del City già qualche mese fa. Adesso può urlarlo fortissimo. Perché dall’altra sponda di Manchester, i diavoli rossi avevano tentato Lotito e Tare con un’offerta da 45 milioni. Qualche goccia di sudore asciugata dal gong inglese. I tifosi non l’avrebbero presa in stile british un’eventuale cessione del brasiliano, la dirigenza biancoceleste sapeva di rischiare il linciaggio. Adesso però Felipe deve ripagare questa protezione: finito di nuovo in panchina a Bentegodi, quest’inizio di campionato sembra purtroppo la continuazione della fine dell’ultimo.

LA FINE – Forse in tanti l’hanno dimenticato, accecati dai mesi di fuoco di Anderson. Eppure già al San Paolo era caduta l’ombra su Felipe. In un terribile corto circuito. Flashback: al 63′, il brasiliano commette un’ingenuità che costa caro, perde palla e dà vita all’azione del 2 a 2 di Higuain. Pioli lo sostituisce, l’esterno s’accascia in lacrime per l’errore commesso. Felipe piange a dirotto anche a fine gara, nonostante la vittoria, nascosto dalle braccia dolci del tecnico. Crollato, Anderson deve rialzarsi di nuovo. Come aveva fatto a dicembre l’anno scorso, dopo una prima stagione da incubo. Ormai è re, non può mica tornare reietto.

FUTURO – Lo United continuerà a seguirlo da vicino. Aveva spedito un osservatore all’Olimpico e poi alla Bay Arena per studiarlo durante i play off di Champions. Lotito, all’inizio dell’estate, era stato chiaro: valutava il suo cartellino 100 milioni. Un’esagerazione. Perché in realtà di fronte a 45-50, ovvero la metà dei soldi, s’è dovuto legare le mani sulla scrivania. Adesso vuole rivedere FA7 esultare e baciarsi il polso, alzare le mani al cielo. Le stigmate di Felipe sono ancora lì, magari non sarà davvero possibile vederle sino al 2020 (anno della scadenza). Per ora, Andershow must come back.

 

 

Segui il live di Cittaceleste.it. In occasione di ogni gara un ampio pre partita e post gara con le voci dei protagonisti, la radiocronaca dallo Stadio Olimpico, foto, video, articoli. Tutto quanto per raccontarvi ogni partita della Lazio. Ma non solo! Ricorda bene: dal LunedÏ al VenerdÏ, Cittaceleste FM sugli 88.100 a partire dal 24 Agosto, dalle ore 17.30 alle ore 19.30, e Cittaceleste TV con IO TIFO LAZIO gi‡ in onda, dalle 21.00 alle 23.00. Canale 669 del DGTV, ElleRadio 88.100 FM, WebTV qui su Cittaceleste.it e su dailymotion.com/cittaceleste. Tutto questo, per offrirti la massima copertura su ogni evento targato SSLazio. Dalla Champions League ai match di campionato. Dalla Coppa Italia a tutto il LIVE direttamente da Formello. Cittaceleste.it accende la tua voglia di LAZIO!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy