Stipendi Lazio, si va verso il taglio di un mese e il recupero di un altro l’anno prossimo

Lotito attende una risposta dei suoi giocatori per l’accordo

di redazionecittaceleste

ROMA – Così o peggio, prove d’intesa alla Lazio. La trattativa sul taglio dello stipendi resta in corso. I senatori Immobile, Parolo, Radu e capitan Lulic (dalla Svizzera) adesso fanno da tramite tra la società e un gruppo risentito. Aveva promesso di pagare tutti regolarmente, Lotito. Di non voler seguire le linee guida dei 20 club di Serie A per lasciare al top le motivazioni scudetto. Invece lunedì ha fatto un passo indietro e lo ha annunciato creando più di qualche malcontento. Un dietrofront non andato giù allo spogliatoio, che si è sentito tradito, pur essendo tornato in campo il 5 maggio. In particolar modo gli stranieri biancocelesti che, a differenza dei colleghi di altri club, non hanno lasciato Roma e hanno rispettato il diktat imposto dalla Lazio. Infastidito per esempio, Luis Alberto e qualche altro compagno. C’è chi pretende i soldi perché a casa si è regolarmente allenato e ha mal digerito l’atteggiamento diplomatico dei big, considerato troppo filosocietario.

SOLUZIONE
Prima di lasciare Formello, dopo due ore di dibattito acceso, Lotito ha fatto una nuova (in realtà la stessa di Juve e Roma) proposta e ha preso tempo. Deve fare i conti con la mancata entrata dell’ultima rata dei diritti tv nel tesoretto, ma contemporaneamente non vuole minare la serenità o creare divisioni all’interno dello spogliatoio. Per questo ci sta andando cauto e si sta dimostrando – almeno di facciata – disponibile al dialogo. A trovare una soluzione che possa soddisfare le esigenze della squadra, degli altri tesserati e il suo. L’ultima offerta sul piatto è la rinuncia a un solo mese e la dilazione di marzo “saltato” nei contratti dell’anno prossimo. Questo accordo di base lascia qualcuno perplesso, ma dovrebbe prevalere perché c’è un timore ancora più grosso. Il comportamento contraddittorio di Lotito, ultimo baluardo della ripartenza a tutti i costi del calcio italiano, fa sospettare che pure lui tema ancora la sospensione definitiva del campionato. In quel caso, i mesi a saltare sarebbero quattro, con un risparmio (si fa per dire, visto il danno dei mancati introiti da Sky) provvisorio di 25 milioni lordi a bilancio.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy