Calcio, le Regioni fanno da sole: Lazio come Emilia-Romagna e Campania?

Le Regioni contro il governo

di redazionecittaceleste

ROMA – È ancora scontro tra il governo e le Regioni, anche per il calcio. Già per gli aspetti legati al lockdown i singoli governatori hanno palesato la volontà di agire in autonomia rispetto alle decisioni interne al DPCM, si pensi alla Calabria de facto riaperta da Jole Santelli. Anche per il calcio sta avvenendo qualcosa del genere con Nicola Bonaccini (Emilia-Romagna) e Vincenzo De Luca (Campania) che hanno fatto sapere di voler aprire i centri sportivi per le società di Serie A delle proprie regioni: le emiliane Bologna, Parma, Spal, Sassuolo ed il campano Napoli.

IL LAZIO – La Regione Lazio sta meditando anch’essa ad una situazione speculare tramite il Governatore, e leader del PD, Nicola Zingaretti. Provvedimento nel quale Lazio e Roma sperano fortemente: vogliose di tornare ad allenarsi hanno già “minacciato” di riunirsi nei parchi romani nel caso in cui venisse negato l’accesso a Formello e Trigoria.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy