Derby, Milinkovic-Pellegrini: la sfida dei predestinati

Il gigante serbo vuole far sfigurare l’ultimo mattatore giallorosso

di redazionecittaceleste

ROMA – Milinkovic e Pellegrini: tanto diversi quanto indispensabili per Inzaghi e Fonseca. I due tecnici non vi rinunciano (quasi) mai: 17 presenze in altrettante gare di campionato per Lorenzo (14 dal via); 14 su 14 da titolare per Sergej (3 out per infortunio). Lazio-Roma passa molto dai loro piedi.

IL CAPITANO
Il capitano in pectore è rimasto ormai da solo: unico romano e romanista a giocare il derby. Per alcuni un limite, per altri un pregio. Per Pellegrini è certamente un vanto. Da non esibire ma da custodire gelosamente, come il gol di tacco segnato un anno fa a Strakosha. Arrivare dopo Totti e De Rossi, gli avrebbe permesso di ostentare lo status ereditato. Passare oltre: Lorenzo è diverso. E poco importa se c’è chi scambia l’educazione e la riservatezza per atteggiamenti da snob. A 24 anni è difficile cambiare. Fuori e dentro al campo. In molti si stanno (ri)accorgendo di lui, perché nell’ultimo mese ha trovato con più continuità la via del gol: in rete con il Bologna, ha bissato col Torino, calando il tris contro l’Inter. In pochi, invece, si erano resi conto dell’importanza che riveste nei meccanismi di Fonseca. Anche quando non segna o non dispensa assist (3), Pellegrini è il prototipo del centrocampista box to box. Difende e attacca. C’è un dato in tal senso che dovrebbe far riflettere: Lorenzo contrasta come Milinkovic. Sinora il laziale ha effettuato 43 tackle: 44 quelli del romanista. Unico nel panorama dei trequartisti. Altro dato sul quale ragionare: nelle azioni offensive della Roma, lui c’è sempre. Non è quindi un caso che abbia chiuso il 2020 al secondo posto per occasioni da gol create in serie A: 16 in 30 partite. Più di Mkhitaryan (13), di Luis Alberto (12), di Ilicic, Mertens e Dybala (10). Singolare, quindi, che a un anno e mezzo dalla scadenza, stia ancora aspettando una telefonata dal club per il rinnovo. «Legarsi alla Roma? Più di così è difficile», le sue ultime parole. Il dubbio che proprio in virtù del legame che unisce il ragazzo alla città e alla squadra, la sua permanenza a Trigoria venga data per scontata, aleggia. Ogni giorno che passa, però, la Roma perde sempre più potere contrattuale. Per intenderci: più ci si avvicina a giugno, più si rischia in pratica di doverlo ricomprare. Senza dimenticare la clausola da 30 milioni (pagabile in due tranche) che rende delicata la negoziazione e appetibile il calciatore, certo di partecipare all’ulteriore vetrina dell’Europeo.

IL SERGENTE
Sergej, questi problemi, li ha bypassati da tempo. Ha un’intesa che lo lega alla Lazio sino al 2024. Arriva alla sfida con la Roma al top della condizione fisica, mentale e tecnica. Una partita che ormai sente più di altre, anche se questa di venerdì, forse, più di tutte. Perché è la prossima, ma verosimilmente perché rappresenta il vero bivio della stagione: precipitare o risalire verso l’alto. È il leitmotiv che serpeggia all’interno dello spogliatoio laziale e il Sergente l’ha fatto suo. Conosce perfettamente l’atmosfera speciale che si crea prima e dopo ogni sfida coi giallorossi. È alla sua sesta stagione in biancoceleste, è il suo undicesimo derby e ci arriva con un obiettivo personale ben preciso: segnare il primo gol in campionato ai cugini. Ci è andato spesso vicino ma c’è riuscito soltanto nelle due sfide di coppa Italia, nelle semifinali del 2017. Uno all’andata e l’altro al ritorno, con una vittoria e una sconfitta, ma poi più niente. Nonostante sia all’asciutto e il suo impatto iniziale con la stracittadina non fu dei migliori, una volta rotto il ghiaccio, Milinkovic nel derby si è sempre esaltato, risultando spesso vincitore nei duelli in mezzo al campo. Ha un piccolo e personale conto in sospeso con Smalling nei duelli aerei, dove qualche volta ha sofferto più del dovuto. In questo avvio di stagione si sta specializzando negli assist (4) ma il sogno è segnare un gol alla Roma su punizione. Vuole che diventi la sua specialità. Ultimamente resta più del dovuto alla fine dell’allenamento per affinare la sua tecnica e qualche risultato si è visto. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy