gazzanet

ESCLUSIVA – Fernando Orsi: “Lazio partita fisica. Vavro una risorsa, Marusic grande prova”

Salgono a 20 i risultati utili consecutivi, record su record e un secondo posto in solitaria, a una sola lunghezza dai Campioni d'Italia. Ne abbiamo parlato - in esclusiva - con Fernando Orsi, ex portiere biancoceleste

redazionecittaceleste

ROMA - La Lazio prosegue la sua scalata ai vertici con un passo davvero impressionante. Salgono a 20 i risultati utili consecutivi, record su record e un secondo posto in solitaria, a una sola lunghezza dai Campioni d'Italia. Ne abbiamo parlato - in esclusiva - con Fernando Orsi, ex portiere biancoceleste.

Genoa-Lazio, che partita è stata?

"La Lazio ha messo in mostra grosso carattere. Il Genoa era un avversario molto tosto. La Lazio ha dimostrato di saper soffrire, Marusic e Lazzari hanno garantito una fisicità più ampia. Specie Marusic, nell'azione del primo gol, ha dimostrato una forza impressionante. 

La prestazione di Vavro ti ha convinto?

"Vavro si è comportato bene. D'altronde ieri la Lazio ha fatto una partita fisica, le lui è un giocatore fisico. Buona partita sia sotto il profilo tecnico, sia come attenzione. Diventa un risorsa pure lui. In questo momento sappiamo che possiamo contare anche su di lui. 

La prestazione di Jony invece? 

"Jony mi ha convinto meno degli altri, però dà sempre il 100%, segue le direttive di Inzaghi, si mette a disposizione. Ha un buon piede. Noi lo usiamo con Lulic come termine di paragone, ma non è giusto perchè sono due giocatori troppo diversi.

"Salgono le quotazioni della Lazio o è sempre la Juve la squadra da battere?

"E' sempre la Juve la squadra da battere, ma la Lazio ha meno pressione delle altre due. Le altre sanno che hanno una squadra tosta dietro, e hanno paura. Adesso tutte temono la Lazio. 

La tua idea sulla decisione di rinviare le partite e di giocare alcuni match a porte chiuse...

"Prima di tutto ci vuole la prevenzione degli esseri umani. Il calcio deve prenderne atto, preservare la salute come priorità. 

Potresti esserti perso