Il solito problema del gol senza Ciro al bersaglio

Immobile ha segnato e quasi raggiunto sui rigori Giordano. Eppure tira sempre meno e non vede lo specchio. Esattamente come ogni compagno

di redazionecittaceleste

ROMA – Sette tiri nell’area di rigore nel primo tempo, zero nella ripresa. Già questa statistica dice tutto sulla prestazione della Lazio a Ferrara. E’ tornato il mal di gol, pesa maledettamente sulla testa e in classifica. Rischia di diventare un replay dell’ultima annata. Perché i biancocelesti, in queste prime tre gare, hanno addirittura creato più occasioni da gol (17.5 a partita) e fatto più tiri dall’interno dell’area di rigore (12.5 a partita) in Europa.

Aveva illuso tutti il tris alla prima giornata, era stato tutto troppo semplice con la Sampdoria. Invece la Lazio non è cambiata, ha un serio problema sotto porta. I 5 pali colpiti (l’ultimo di Caicedo) non possono essere giustificati solo con la sfortuna. Perché i biancocelesti devono prendersela anche con la loro mira. E sopratutto con la loro tigna. Arrivano stanchi e poco lucidi in area, calciano con superficialità. Si sono divorati due reti, Caicedo e Luis Alberto, ieri al Paolo Mazza. Non solo. Immobile sotto porta si sarà pure sbloccato, ma prova sempre meno il tiro. Ecco il 20esimo rigore realizzato, è a -4 da Giordano, terzo nella storia della Lazio. E’ il vicecapocannoniere (a pari merito con Mertens) di questo campionato, ma nell’atteggiamento serve ancora un altro Ciro.

Nel frattempo, per tutti i fanta-allenatori lettori di Cittaceleste.it, è pronta un’esperienza pazzesca… con in palio un montepremi complessivo da 250mila euro e… un JAGUAR F-PACE! >>> SCOPRI DI PIU’

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy