gazzanet

L’AVVERSARIO – Il Genoa: la creatura di Andreazzoli è ancora in potenza

Il Genoa di Andreazzoli è un cantiere aperto, si cerca il bel gioco

redazionecittaceleste

Di Giovanni Manco

ROMA - Bel gioco, questo sconosciuto. Il Genoa non vede un calcio piacevole da parecchio tempo, probabilmente da quando sulla panchina del Grifone sedeva un certo Gasperini. Da allora si è preferita la solidità, il Genoa si è contraddistinto per essere una squadra più guardinga che propositiva.

Poi la società, questa estate, ha optato per un'inversione di tendenza con la chiamata di Aurelio Andreazzoli: l'allenatore viene da un'annata a luci ed ombre all'Empoli, con una retrocessione ma con la consapevolezza di aver offerto un calcio unico ad una piazza entusiasta, che ha perso la Serie A per una questione di dettagli e per una maledetta partita sul campo dell'Inter.

Il Genoa di Andreazzoli

Di bel gioco a Genova ne hanno visto non in abbondanza al momento, forse la partita contro la Roma è stata quella maggiormente entusiasmante da questo punto di vista. Eppure permane la sensazione che quella di Andreazzoli sia una creatura in potenza: un qualcosa che può esplodere da un momento all'altro, pazienza del patron Preziosi - che con gli allenatori ne ha storicamente poca - permettendo.

Le geometrie di Schone sono un punto chiave, le sue verticalizzazioni sono buone ad innescare tanto gli esterni (Ghiglione e Barreca) tanto le punte. Ed a proposito di punte, Kouame è sicuramente l'uomo da tenere sotto osservazione: 3 reti ed un assist sono un bottino niente male dopo cinque partite. La caratteristica principale dell'ivoriano è la velocità, in questo senso la Lazio dovrà essere brava a non lasciargli troppi metri, qualora dovesse essere imbeccato in velocità potrebbero essere dolori! QUANDO IL GIOCO SI FA DURO, I VERI MAGIC ALLENATORI INIZIANO A GIOCARE, LA CLASSIFICA GENERALE INIZIA IL 28 SETTEMBRE, SEI ANCORA IN TEMPO PER ISCRIVERTI!>>> SCOPRI DI PIU'

Potresti esserti perso