Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Lazio, Acerbi come il vino buono, migliora crescendo

Notizia Lazio - Acerbi, un anno sempre in campo

Incredibile l'agilità e la freschezza dell'ex Sassuolo, mostrata anche nel derby su Dzeko

redazionecittaceleste

ROMA - Il Leone non s'addormenta, ruggisce e segna. Acerbi è uno dei pochi a salvarsi nell'ultimo derby, lo gioca come un veterano. Per carità, insieme a Radu, si lascia scavalcare dal cross di Cristante sul vantaggio giallorosso, ma le gravi responsabilità sono di Strakosha in uscita sul gol di Dzeko. E il portiere lo ammette desolato: «Grazie ai miei compagni per aver rimediato al mio sbaglio». Grazie ad Acerbi per aver acciuffato il pareggio e non solo. Salvataggi da circense e tanto veleno. Top player per tiri (1 come Immobile, Luis Alberto, Milinkovic, Lulic e Correa), passaggi (31 completati su 35) e anticipi difensivi (2 come Leiva, Radu e Luis Alberto). Meno male che c'è Francesco, stoppa Dzeko addirittura in rovesciata al 20', nel momento di maggior bisogno. E pensare che qualcuno a quasi 32 anni gli dà del vecchietto, cresce e migliora come il vino. Guida la difesa e si catapulta nell'area avversaria per beffare Pau Lopez di piatto, regala alla Lazio un punto, in rimonta è il dodicesimo. Poi Acerbi imposta e recupera tutto lì dietro. In realtà stavolta gli danno una grande mano i compagni di reparto. Specialmente nel primo tempo perfetto Luiz Felipe, poi sostituito nella ripresa per colpa di un giallo. Spesso la stracittadina l'aveva sofferta Radu, sul piano nervoso. Invece domenica il rumeno si dimostra leader contenuto e carismatico: salva in scivolata il raddoppio di Dzeko, sceglie ancora i tempi giusti in diagonale sul bosniaco e in un ripartenza su Under. Quattro tackle e sei duelli totali vinti, recita alla fine il tabellino. Insomma, la retroguardia stavolta fa la forza della Lazio.

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso