• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Hoedt: “A Roma se perdi non puoi uscire di casa. Klose? Un maestro”

Lazio, Hoedt: “A Roma se perdi non puoi uscire di casa. Klose? Un maestro”

L’ex difensore della Lazio Wesley Hoedt sembra avere nostalgia del mondo biancoceleste e torna a parlare delle aquile

di redazionecittaceleste

ROMA – L’ex difensore della Lazio, attualmente in forza all’Anversa ma in prestito al Southampton Wesley Hoedt, sembra avere nostalgia dei colori biancocelesti. L’olandese anche la settimana scorsa aveva parlato di Lazio, e lo ha fatto ancora con una lunga intervista ai microfoni di Voetbal International.

Queste le sue parole:

GLI INIZI – “Ho sempre giocato come centrocampista, la svolta è arrivata nel momento in cui sono stato convocato con l’Under 17 dell’Olanda. A seguito dell’infortunio di uno dei centrali il ct mi ha messo in difesa. Un anno e mezzo dopo ero stabilmente in prima squadra, e sei mesi più tardi ho firmato un contratto con uno dei più grandi club italiani (la Lazio ndr). Penso di aver sempre preso la decisione giusta quando c’era in ballo il mio futuro. La mia carriera è stata in ascesa fino all’anno scorso. Quasi 70 partite in Italia, 50 in Inghilterra, non è cosa da poco”.

LA SUA CRESCITA IN ITALIA – La Lazio, poi, gli ha permesso di limare i suoi difetti e potenziarsi nei fondamentali del ruolo: “Il campionato italiano è il migliore in assoluto per crescere come difensore. Spesso un approccio troppo difensivo è considerato esteticamente brutto, ma per loro è una specie di arte. È per questo che poi in Italia nascono difensori come Nesta, Maldini o Baresi. Sarebbe stato troppo presto andare in Premier League con solo 12 partite di Eredivisie sulle spalle, avevo bisogno di questo step intermedio”.

I COMPAGNI ALLA LAZIO – Ho imparato tanto da Biglia o Klose durante l’allenamento. Miro mi ha insegnato a liberarmi dagli avversari. Molti difensori ti trattengono in modo un po’ subdolo e lui usava l’astuzia per divincolarsi, anche con le maniere forti, ma senza che l’arbitro lo vedesse. Ora questo non è più possibile, a causa del VAR, ma quelli erano i trucchi di un campione”.

LA LAZIO E I SUOI TIFOSI – “L’avversario più difficile da affrontare? Gonzalo Higuaín. Il primo anno contro il Napoli abbiamo perso 5-0 e lui, il mio avversario diretto, ha segnato una tripletta. Non è stato facile all’inizio. In Italia sono tutti allenatori, anche il macellaio o il fornaio. Se fai bene e vinci, ottieni tutto gratis, ma se perdi non puoi uscire di casa. Quando abbiamo perso il derby 4-1 la società ci ha mandato in ritiro per due settimane a trecento chilometri da Roma. Nella capitale vivono per il calcio, si meritano rispetto. E poi i tifosi della Lazio sono fantastici.

UN ERRORE LASCIARE LA LAZIO: “Forse ho sbagliato a non rinnovare il contratto. C’era grande professionalità (alla Lazio ndr) e non ero certo stufo di questo. Però volevo giocare di più in campionato e il Southampton mi aveva fatto un’offerta irrinunciabile”

I TIFOSI DELLA LAZIO – “In Premier League il tasso tecnico non è così alto, a dir la verità. La cosa che lo rende un bel campionato è la grande intensità di gioco e la costruzione mediatica che gli orbita attorno. Gli stadi sono sempre pieni, è vero, ma il tifo in Italia è molto più caldo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy