• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, in porta un po’ di Pepe: oggi Reina in ritiro con Tare

Lazio, in porta un po’ di Pepe: oggi Reina in ritiro con Tare

L’ex Napoli è pronto a strappare il posto da titolare a Strakosha

di redazionecittaceleste
Il portiere del Milan Pepe Reina

ROMA – Un po’ di Pepe fra i pali e nello spogliatoio. Foto con l’aquila Olympia a Formello, Reina oggi trascina il suo ingombrante corpo insieme al ds Tare e tanto entusiasmo ad Auronzo: «Pronto al volo. Sono contentissimo di vestire la maglia della Lazio». Al Milan qualcosa non è andato, l’ultimo anno lo ha vissuto all’Aston Villa in prestito, a 38 anni torna nel campionato italiano. Con lo spirito di un giovanotto. Ieri ha superato gli esami in Paideia e impressionato il responsabile dello staff medico: «Ha un carattere che farà la differenza – assicura Pulcini – e aiuterà gli altri ad avere più ottimismo e coraggio. Ha superato i test e dimostrato d’essere un atleta straordinario. E’ il degno successore di Marchetti dal punto di vista fisico». Ma è sopratutto sul piano dell’esperienza che può far fare il salto. Strakosha sui social lo ha accolto, ma ora deve tremare perché il suo posto non è più al sicuro. Pepe e Thomas in teoria partono alla pari, non c’è più un primo, ma sembra chiara l’intenzione della Lazio: l’albanese dopo il lockdown non ha convinto, negli ultimi anni non ha mai avuto nessuna pressione né da Vargic né da Proto. Solo uno come Reina può forgiarlo. E l’alta competizione può pure fargli abbassare la cresta sul rinnovo: Strakosha sbatte i pugni da mesi per avere oltre 2 milioni a stagione col prolungamento. Lotito e Tare hanno tergiversato e a sorpresa gli hanno presentato Reina ai nastri di partenza del nuovo campionato. Sarà lo spagnolo a giocare le gare pre-Champions.

BIENNALE
Non si tratta di “Vacanze Romane”, nonostante Reina si sia immortalato accanto alla storica vespa dopo le visite di rito. Quindi la firma sul contratto: biennale da 1,7 milioni con opzione per un terzo anno. Reina vuole dimostrare subito quanto vale ancora sul campo. A Napoli era un leader indiscusso, non ha timore di scontrarsi con nessuno: litigò con De Laurentiis per una battuta sulla moglie Yolanda fuori luogo, decise così d’allontanarsi dal Vesuvio. Lì lo aveva portato Benitez, suo fido tecnico già dai tempi del Liverpool. Dove aveva conosciuto Leiva, che gli dà il benvenuto. «Eccoci di nuovo insieme sette anni dopo, amico mio», risponde Reina. Che, senza peli sulla lingua, lancia pure il guanto di sfida a bomber Ciro: «Prepara i piedini in allenamento».

PERSONAGGIO
Anche per dimenticare la beffa David Silva, ci voleva un personaggio con questa vitalità e una sana spocchia all’interno del gruppo. Forse per questo Inzaghi non vede l’ora di abbracciarlo. Tecnicamente Pepe è il portiere che lui ha sempre desiderato: bravo nelle uscite e sopratutto abile coi piedi per sviluppare l’azione da dietro. Tutto quello che con Strakosha in questi anni gli è mancato. Reina aveva contratto il Coronavirus a marzo, gli mancava il respiro, questa nuova avventura è una boccata d’ossigeno. S’aggiunge alla colonia iberica, è il quinto spagnolo. Poco importa che in patria lo provochino («Non potevi scegliere squadra migliore») con allusioni al fascismo. Estremo difensore, ma anche showman, basti vedere i suoi balletti nei festeggiamenti nello spogliatoio. Prima però professionista serio, attento a ogni dettaglio: appuntamento fisso prima di ogni match con il rifornimento della sua auto come gesto scaramantico. Mette Pepe, ma anche benzina sul fuoco.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy