Lazio, Lotito-Inzaghi ad alta tensione. E c’è l’ultimatum…

Dopo il pari di Benevento fra il presidente ed il tecnico rapporto ai minimi termini. Ora saranno decisivi i prossimi due incontri

di redazionecittaceleste
notizie Lazio: Lotito Inzaghi

ROMA – Che non fosse proprio un anno facile lo si era capito in estate con il doppio colpo mancato sul mercato: David Silva e Kumbulla. Ora però siamo al gelo di fine anno. Lotito ha la misura colma, Inzaghi non è più felice. Napoli e Milan diventano decisive per “salvarsi”. Da una crisi nera e da possibili addii anticipati. Un ultimatum arrivato ieri dopo un confronto molto acceso tra i due. Il presidente si è sfogato accusando Simone di scarso rendimento e di una gestione pessima del gruppo. Il tecnico si è difeso parlando di infortuni e di un calendario troppo fitto. Ma come si è arrivati a tutto questo? Galeotto fu il contratto. Ancora nessuna chiamata. Il presidente ha da tempo in mente l’idea di fare una rivoluzione, Simone aspetta e si guarda intorno. Il feeling tra i due, mai così idilliaco, ora è ai minimi storici. Il tecnico biancoceleste aspettava una telefonata di Lotito subito dopo la qualificazione agli ottavi di Champions per mettere nero su bianco il rinnovo. Niente da fare. Qualcosa si era rotto già alla fine dello scorso anno quando alla ripresa del lockdown la Lazio è passata da essere una pretendente per lo scudetto a chiudere al quarto posto. Il trend si sta ripetendo tale e quale e addirittura ora galleggia al nono posto.

BOTTA E RISPOSTA
Il mancato rinnovo sta condizionando il tecnico che è passato da essere condottiero e parafulmine a elemento della discordia. Anche i tifosi si interrogano. Da diverse partite colpiscono alcune scelte fatte da Simone a cominciare da cambi tardivi passando per alcuni calciatori ignorati, finendo per un modulo che non cambia mai. Poi c’è il capitolo relativo al fatto che giocano sempre gli stessi. E ora si ritrova in difficoltà tra infortuni e gente che deve tirare il fiato. Lotito ha palesato con un silenzio assordante subito dopo la partita contro il Verona tutto il suo disappunto. Ieri è sbottato.

TENSIONI NELLO SPOGLIATOIO
Simone ha perso entusiasmo. Si è arrabbiato all’inizio per il mercato ma poi ha finito per accettarlo e condividerlo. Una sorta di rassegnazione. Il doppio impegno non è facile da gestire e lo scorso anno ha spiccato il volo liberandosi della zavorra dell’Europa League. Farlo con la Champions sarebbe stato un suicidio. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Red - 1 mese fa

    Facile prendersela con l’allenatore, sempre lo stesso modulo, giocano sempre gli stessi, si è rassegnato al mercato ampiamente insufficente…ma che doveva/deve fare?
    Cambiare modulo? Con quale? Uno a caso mai provato? Cambiare giocatori? Con quali? Diciamo che negli 11 titolari la Lazio è competitiva, diciamo perchè avrei qualcosa da ridire anche su questo, ma la panchina? I giocatori che dovrebbero far tirare il fiato chi e dove sono? Una difesa imbarazzante, errori come quelli di Radu contro il Verona non sono semplici disattenzioni che possono capitare, ma segnali che qualcosa non va, che doveva essere fatto di più, il famoso difensore centrale che attendiamo da anni dov’è? Hoedt? “bono pe’ l’ammazzatora”. L’unica cosa che si può recriminare ad Inzaghi è di non essersene andato prima dell’inizio del campionato, lasciando la società, anzi l’azienda Lotito&Co, al suo destino…ma voi dopo anni a combattere e lottare per la Champions avreste buttato tutto all’aria? Avreste riuniciato a giocarla? A sentire la famosa musichetta? Io no…e nemmeno Inzaghi, unico che merita rispetto e gratitudine da parte di noi tifosi. Sempre e comunque DAJE LAZIO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy