Lazio, Lotito scuote lo spogliatoio: “Siete da Champions. Dimostratelo”

Questo il discorso del presidente alla squadra ieri a Formello

di redazionecittaceleste

ROMA – Via da Cortina, Lotito va a un’altra montagna. Deve far scalare alla Lazio i problemi di “testa”, quindi ci pensa lui a dare una scossa. Dopo il brutto pari di Genova, ieri mattina il presidente era già a Formello ad aspettare Inzaghi e la squadra. Nessuna furia, ma un richiamo collettivo al senso di responsabilità e appartenenza: «Questa rosa è stata costruita per la Champions. Ricordatevi quali sono i nostri obiettivi perché sinora non avete dimostrato quanto valete e lo voglio vedere subito contro la Fiorentina». Un discorso fermo al gruppo e un confronto pacato con Inzaghi, insieme all’appuntamento definitivo per mettere la firma sul rinnovo fra qualche ora. Pure un mini-vertice ad alta tensione con Tare per capire quale sarà sul mercato la prossima mossa. Poi Lotito in fretta e furia è corso a Salerno per la partita. devono dare di più anche i big Milinkovic e Luis Alberto. Il discorso di Lotito era rivolto sopratutto a loro, quelli dal maggior talento inespresso sotto porta al momento. Mancano i gol degli “altri” nella Lazio, anche per ovviare a qualche rete di troppo (24) subita dietro. Serve cinismo e, invece, se non ci pensa Ciro non segna nessun altro. A Genova tra l’altro solo dal dischetto, evidenziando una statistica da allarme rosso in attacco: sotto la Lanterna la Lazio non ha effettuato neanche un tiro in porta su azione dall’interno dell’area di rigore per la seconda volta (sempre a Marassi con la Samp) in questo campionato. La cattiveria non si compra sul mercato. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Red - 2 settimane fa

    Siamo tra le 16 squadre più forti d’Europa, abbiamo passato il girone di Champions…vero, anzi verissimo, ma un’attimo, come lo abbiamo passato? L’unica squadra nel girone che valeva qualcosa era il Borussia Dortmund, squadra paragonabile alla nostra Atalanta. Anzi diciamo pure che l’Atalanta a differenza della Lazio gliene farebbe 4 o 5 di gol.
    Brugge e Zenit? Forse le attuali Sassuolo e Verona, buone squadre ma non imbattibili e neanche al livello tecnico della Lazio.
    Certo il Covid, gli infortuni..hanno condizionato il cammino, ma ai 16emi ci siamo arrivati soffrendo come cani all’ultima giornata in casa, vi basta? a me no, voglio vedere belle partite, giocare a calcio, magari anche perdere dopo aver dato tutto…ma non essere presi a pallonate dalla penultima in classifica…è deprimente…ah il posto tra le 16 più forti d’Europa? Tenetevelo stretto mi raccomando!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy