• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Luis Alberto chiama Silva: “Vamos a ganar”

Lazio, Luis Alberto chiama Silva: “Vamos a ganar”

Il Mago sta provando a convincere ancora l’amico David a scegliere la destinazione biancoceleste

di redazionecittaceleste
Mercato Lazio: David Silva

ROMA – Fantasia al telefono, il Mago invoca di nuovo “Merlino”: «Non pensarci più, vieni alla Lazio». Luis Alberto pressa David Silva per giocare insieme la Champions e provare a vincere davvero stavolta lo scudetto. Deve diventare realtà questo sogno, la Spagna biancoceleste può decidere il prossimo campionato italiano. L’attesa del sì dell’ex City crea fermento, Tare ha già fatto l’offerta da 4 milioni per tre anni e spera che David Silva non si faccia convincere da un altro progetto. Lotito teme Conte, che vorrebbe portarselo a Milano, ieri riecheggiava l’ottimismo di Beckham di poterlo abbracciare all’altra Inter, quella di Miami, grazie al Dio Denaro. Ma Silva ama troppo il calcio per lasciarsi attrarre solo dall’aspetto economico. A 4 anni giocava con la frutta tropicale in casa a Gran Canaria, ha sfidato le onde e il mare per esplodere definitivamente a 20 anni a Valencia. Il suo mancino ha regalato invenzioni, trofei e tanta gioia, ha incantato il mondo e non ha ancora smesso di fare storia. Glielo aveva predetto nonna Antonia che una palla di stracci lo avrebbe trascinato sulla luna. Senza mai una mossa sleale, ma col suo talento in valigia. Questo è David Silva, uno che a 34 anni dedica ancora i suoi gol ( 149 e quasi 200 assist) alla cuginetta di 5 anni morta. Uno che s’è laureato con la Spagna campione del mondo e d’Europa. Uno che ha vinto coi Citizens tutto ciò che si possa desidare in carriera. Uno a cui non avrebbe mai rinunciato Guardiola, se non per consentirgli di chiudere da star la sua meravigliosa vita calcistica.

VICINI
Alla Lazio può farlo, David Silva. Klose e Leiva gli mostrano già la strada, Luis Alberto gli apparecchia la porta d’entrata. Tare ha steso un tappeto a piazza di Spagna con abitazione in centro, non è uno qualunque David Silva. E’ uno che bacia e suda la maglia che indossa, uno che è nato l’8 gennaio, un giorno prima della prima squadra di Roma. Anche questo segno indica la via.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy