• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Muriqi-Caicedo: il nuovo tandem è pronto

Complice la squalifica d’Immobile e il ritorno all’ultimo di Correa, i due dovrebbero giocare insieme dal primo minuto a Genova con la Samp

di redazionecittaceleste
notizie Lazio: Vedat Muriqi

ROMA – Il Cannibale e il Panterone a braccetto. Quando meno te lo aspetti, ecco una bella sorpresa. Prove d’intesa a Formello tra Muiriqi e Caicedo. La strana coppia avanza per Genova. E anche a passo spedito. I due, nel test con la Primavera, hanno corso, dialogato, si sono scambiati il pallone quasi a occhi chiusi, creando occasioni e facendo gol. Inzaghi e il suo staff sono rimasti piacevolmente colpiti dal feeling che hanno mostrato in campo i due attaccanti alla prima e unica partita insieme. C’è da lavorare ancora un po’, ma la strada sembra abbastanza positiva. Per caratteristiche sono quelli che più si assomigliano nel reparto d’attacco biancoceleste. Entrambi possenti, piuttosto strutturati fisicamente, piedi educati e tutti e due lavorano tanto per i compagni. Sabato, probabilmente su indicazione del tecnico, si sono alternati come punta di riferimento lì davanti, con uno dei due che girava attorno all’altro e attaccava lo spazio esternamente. L’ecuadoriano è andato in gol, grazie anche a un movimento del kosovaro.

MALUMORI IN KOSOVO
Inzaghi sembra orientato a lavorare sui due bomber per schierarli titolari a Genova. Per necessità. D’altronde Immobile è squalificato, quindi non disponibile, mentre Correa giocherà con l’Argentina stanotte alle quattro e rientrerà a Roma venerdì, proprio a ridosso della gara di campionato. Non avendo certezze, il tecnico potrebbe davvero decidere di portare avanti questo nuovo progetto di Caicedo e Muriqi, iniziare con loro e inserire il Tucu, già stanco per il lungo viaggio di rientro, a partita in corso. Chi non appare soddisfatto del recupero lampo di Vedat Muriqi sono i tifosi kosovari che hanno borbottato un po’ sui social per le fotografie che arrivavano del bomber che giocava a Formello. Il Kosovo ha giocato mercoledì scorso con la Macedonia la gara che valeva l’accesso alla finale per Euro 2020. L’attaccante laziale non è andato perché doveva recuperare da un infortunio e più di qualcuno da quelle parti ci è rimasto male vedendolo in campo dopo nemmeno due giorni. Per i kosovari, il Cannibale è una specie d’eroe nazionale, ma per la Lazio è soprattutto un investimento da venti milioni di euro. Normale che nessuno abbia voluto rischiare.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy