Lazio, Reina-Strakosha: ora la porta è aperta

Contro l’Udinese tornerà l’albanese, ma non è più sicuro d’essere il titolare

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio: Thomas Strakosha

ROMA – Non molla, Reina, mai abbassare la guardia. Lo teme, Strakosha, nonostante Inzaghi continui a ripetere come sia l’albanese il primo in porta. Ma siamo davvero sicuri sia questa la risposta? Dopo più d’un mese, Thomas potrà tornare finalmente fra i pali domenica. Era già negativo al tampone prima dell’ultima trasferta, ma è rimasto a Formello per ritrovare la miglior condizione fisica. Il suo nome è ancora sulla bocca degli inquirenti (per la procura Figc il suo allenamento pre-Zenit del 3 novembre) dopo l’alternanza di tamponi continua: è l’unico risultato positivo ad Avellino nella perizia. Ora però Strakosha è senz’altro guarito e vuole riprendersi il suo posto come a inizio annata. In estate aveva tremato per la sua titolarità, poi Inzaghi aveva rispettato la sua promessa. Ora però Pepe, a suon di prestazioni top, può minarla. Anche contro lo Zenit ha dimostrato una personalità infinita e piedi utilissimi per la squadra. Reina consente quel vantaggio tattico a cui il mister da tempo ambiva: diventa un autentico regista, non perde mai la calma, cerca passaggi millimetrici in mediana, saltando totalmente la prima pressione avversaria. Con la sua esperienza e sicurezza, in questo senso, è davvero più funzionale dell’apprendente Thomas. Ha eguagliato le presenze europee (174) di Maldini martedì sera e, coi suoi guantoni, non ha intenzione di mollare facilmente la presa. Contro l’Udinese Strakosha rientrerà in porta, ma la scelta ora è tutt’altro che definitiva.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy