• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio sempre più dipendente da Luis Alberto

Lazio sempre più dipendente da Luis Alberto

Ha partecipato a 11 gol biancocelesti, dallo spagnolo dipendono il gioco e le idee

di redazionecittaceleste

ROMA – Novembre, Luis Alberto s’accende in un istante. Ottavo minuto, tiro al volo. C’è la ribattuta sulla linea di Ferrari, ma per fortuna s’avventa Parolo come un avvoltoio. Succede tutto l’anno scorso all’andata contro il Sassuolo, in un pareggio che però stavolta non andrà ripetuto. Luis Alberto è tornato Mago, coi suoi piedi punta solo al successo.

Serve subito un’altra vittoria per blindare il terzo posto ed approfittare di qualche passo falso delle concorrenti in questo turno. Inzaghi si coccola il suo spagnolo d’oro, alla fine lui è contento sia rimasto a Formello. Gli serviva, eccome, un po’ di riposo. Tra l’altro, non è stato convocato dalla Spagna, ma Luis Alberto ha fatto comunque colpo in patria. Venerdì ha ricevuto un prestigioso riconoscimento dalla Real Federacion Andaluza de Futbol (RFAF), che lo ha premiato come stella assoluta della selezione spagnola. Quella che lui vuole riprendersi di corsa, visto che è il re degli assist in Italia e il secondo in Europa. Chissà se potrà essergli utile il ritorno di Luis Enrique in panchina. L’ex allenatore del Barcellona lo aveva ignorato la scorsa annata, ma oggi Luis Alberto è tornato di un’altra pasta. Per questo a Cadiz ha ricevuto una targa, ritirata dalla mamma Loli alla cerimonia di gala. Ignorato dall’ex ct Moreno per gli impegni contro Malta e Romania, Luis Alberto è rimasto a curarsi a Roma. Alla ripresa ha smaltito l’ultimo affaticamento ed è tornato ad allenarsi con la squadra. Punta ad andare in doppia cifra con gli assist a Reggio Emilia: è a quota 9, un altro e sarà già cifra tonda in campionato alla tredicesima giornata. Gliene mancano in pratica quattro per superare subito il suo record (13 in 34 presenze) di due anni fa.

DIPENDENZA
A fine 2018 Luis Alberto si laureò con 18 assist e ben 12 gol fra campionato e Coppe. Sono le reti a fare la differenza rispetto a quella stagione. Va considerato però il suo arretramento in questo confronto. Allora era un trequartista puro, adesso è una mezz’ala che lega il gioco. Così lo spagnolo è fermo ancora al primo centro nell’ultimo derby di settembre pareggiato. Luis Alberto però può e deve fare meglio in questo senso, deve mirare e centrare lo specchio. Magari ci riuscirà proprio domenica contro il Sassuolo, anche se ogni suo assist vale già come un gol bello e buono. I suoi tocchi hanno contribuito ben 11 volte ai centri della Lazio. Non solo. Se i biancocelesti dipendono dalle reti d’Immobile per far risultato, da Luis Alberto non possono proprio prescindere le idee e il gioco. Ecco perché Inzaghi si è imputato sulla sua permanenza (e lui sta comprando casa vicino l’Olgiata) in sede di rinnovo a giugno. Guarda caso in Europa la Lazio ha sempre pagato il suo mancato utilizzo: Luis Alberto è rimasto appena 69′ in campo e, in 37′ contro il Rennes, grazie a un suo assist, è arrivato l’unico risultato positivo. Ora la Champions dipende da un altro suo incantesimo.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy