LE PAGELLE DEL DIRETTORE – Male Bastos e Jony, ottimo Lazzari

Le pagelle del direttore Stefano Benedettu

di redazionecittaceleste
Le pagelle di Stefano Benedetti

Strakosha: 6 Non può nulla per evitare il gol di Ribery che con un gran tiro da distanza ravvicinata porta avanti la Fiorentina. Al primo minuto del secondo tempo fa una bellissima parata negando alla Fiorentina il doppio vantaggio.

Patric: 5 Viene schierato dal primo minuto alla destra di Acerbi. Al 25esimo minuto, insieme a Parolo, si fa saltare come un birillo da Ribery che con una giocata degna di un grande campione porta in vantaggio i Viola spiazzando Strakosha.

Acerbi: 7 È sempre lui ad impostare il gioco. Manovra ogni singolo movimento del pacchetto difensivo come un direttore d’orchestra. È Elegante. Un difensore in smoking.

Bastos: 5 Scende in campo alla sinistra di Acerbi. Non si tira mai indietro ed è sempre pronto a farsi valere fisicamente. Questa per lui è la quarta da titolare quest’anno. Quando la squadra attacca si getta in avanti e partecipa all’azione offensiva diventando una spina nel fianco per gli avversari. Si fa ammonire al 45esimo minuto del primo tempo commettendo un bruttissimo fallo che per poco non gli costa l’espulsione. L’intervento scomposto non è piaciuto a Inzaghi che all’inizio del secondo tempo decide di sostituirlo. Al suo posto entra Radu.

Lazzari: 7 Viene schierato anche questa volta dal primo minuto. Quando attacca è uno spettacolo. Un fulmine difficile da fermare. È stato uno dei protagonisti indiscussi della partita. Attacca con estrema semplicità ma fatica quando si tratta di difendere. Viene sostituito All’80esimo minuto. Al suo posto entra Marusic.

Parolo: 6 Scende in campo dal primo minuto visti i KO di Lucas Leiva e di Danilo Cataldi. Si fa ammonire al sesto minuto ed è uno dei due protagonisti in negativo (insieme a Patric) nell’occasione del vantaggio Viola. Non riesce a mettersi in mostra e ad essere incisivo come vorrebbe. Gioca un secondo tempo decisamente migliore del primo.

Radu: 7 Entra al posto di Bastos dal primo minuto del secondo tempo. Scende in campo con tutta la sua esperienza, determinato e concentrato. Carica più volte l’assalto lanciandosi in avanti e spronando i suoi compagni. Al 79esimo minuto tenta il blitz, perde palla e provando a rimediare all’errore commette un fallo ingenuo e si guadagna il cartellino giallo.

Marusic: 6 Entra All’80esimo minuto al posto di Lazzari.

Milinkovic: 6.5 cerca in ogni modo di dare movimento alla manovra della Lazio senza però trovare risposta dai suoi compagni di reparto. Ce la mette tutta ma non basta

Luis Alberto: 8 Sale in cattedra nella ripresa dopo un primo tempo impalpabile. La sua condizione ancora è lontana da quella vista prima della lunga sosta. Ma è lui il vero mattatore della gara grazie a un gran gol a otto minuti dalla fine che permette alla Lazio di non staccarsi dalla Juventus.

Jony: 5.5 molto male nel primo tempo…molto meglio nella ripresa quando diventa più preciso nelle conclusioni, nel palleggio e negli appoggi. Sfiora anche il gol con un gran tiro da fuori area deviato dal portiere viola Dragowsky.

Marusic: 6 solo 9 minuti di gara.

Caicedo: 7 si vede poco per tutta la petit ma nel cuore della ripresa si guadagna il calcio di rigore che permette a Immobile di preghiate i conti. Lascia subito dopo il campo zoppicando vistosamente

Correa: 6 si vede che ancora non sta bene

Immobile: 6 Salva la sua gara decisamente impalpabile realizzando in maniera perfetta il calcio di rigore concesso dall’arbitro Fabbri per atterramento ai danni di Caicedo. Nulla da dire ovviamente sulla sua generosità ma questa sera i palloni giocabili sono stati veramente pochi

Inzaghi: 7 Al contrario dell’approccio avuto a Bergamo questa sera la sua squadra ha giocato una gara molto più intelligente con una gestione assolutamente diversa. Finisce con una vittoria in rimonta che rilancia di nuovo la Lazio come anti Juventus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy