LE PAGELLE DEL DIRETTORE – Strakosha decisivo in negativo, Correa dove sei?

di redazionecittaceleste
Le pagelle di Stefano Benedetti

Strakosha: 4 Non ha subito un tiro in porta nei primi 40 minuti del primo tempo. Al 41esimo però viene spiazzato su calcio di rigore ed è 1-1. Al 75esimo quasi si fosse dimenticato di essere un portiere e che può usare le mani, non si cura del pallone addormentandosi nella sua area. Peccato che nel frattempo il pallone colpito da Omrani sia finito in porta.

Vavro: 4.5 Per via delle poche azioni offensive del Cluj non è riuscito a mettere pienamente in mostra quelle che sono le sue caratteristiche. Al 75esimo in occasione del vantaggio del Cluj, l’unica volta in cui avrebbe potuto fare qualcosa di buono invece sbaglia tutto compiendo un’uscita completamente sbagliata.

Acerbi: 6 Difende, imposta la manovra offensiva, gioca d’anticipo. Un giocatore completo, indispensabile. Il perno della difesa biancoceleste. Dopo l’uscita “a farfalle” di Strakosha, non riesce a salvare il pallone che dopo una serie carambolesca di tocchi finisce sul palo e termina in rete.

Bastos: 6 Viene schierato da Inzaghi dal primo minuto e lui non lo ha deluso. Al 24esimo minuto del primo tempo sugli sviluppi di un calcio d’angolo (dopo l’ennesimo cross perfetto di Jony) è arrivata la zampata dell’angolano che ha portato in vantaggio i biancocelesti. Al 50esimo con superficialità liscia clamorosamente un pallone che per poco Omrani non trasforma nel vantaggio romeno. Complessivamente gioca una buona partita. Attento e molto concentrato. All’80esimo viene sostituito. Al suo posto entra Adekanye.

Lazzari: 5. Al 30esimo si divora clamorosamente, solo davanti al portiere, quello che sarebbe potuto essere il suo primo gol europeo con la maglia della Lazio. Lo scatto c’è ma la mira no. Gioca una partita dinamica senza fermarsi mai, corre sempre. Si propone di continuo anche se certe volte confida troppo nella sua velocità perdendo numerosi palloni.

Leiva: 5 Un giocatore fondamentale per questa squadra. Dotato di un’intelligenza calcistica pazzesca. Si trova sempre nel posto giusto al momento giusto. Recupera molti palloni, imposta le manovre offensive e quelle difensive. Al 40esimo del primo tempo riesce a rovinare tutto ciò che di buono aveva fatto provocando il calcio di rigore a favore del Cluj.

Adekanye: SV

Milinkovic: 4.5 Serve un pallone fantastico a Lazzari che si divora il gol davanti al portiere, sfiora per due volte la rete con due colpi di testa imprecisi ma malgrado tutto ciò continua ad accendersi per poi spegnersi giocando una gara troppo intermittente. Il tutto nella giornata in cui Inzaghi gli regala la fascia di capitano. Nella ripresa non si è mai visto. Gara impalpabile.

Berisha: 5.5 La sua è una partita di quantità senza però mai accendersi in spunti degni di nota. Inzaghi lo nomina battitore scelto di tutti i calci piazzati, calci d’angolo inclusi. Ma senza grande successo. Tutto sommato un esordio stagionale sufficiente. Sostituito dopo 20 minuti dall’inizio della ripresa. Lascia il campo con fare evidentemente contrariato.

Cataldi: 5 Entra nel cuore della ripresa al posto di Berisha. Al primo intervento prende un cartellino giallo. Non riesce ad incidere a centrocampo. La sua gara è insapore. Impalpabile.

Jony: 6.5 È lui la vera novità della serata. Salta l’uomo, crossa con grande facilità ed efficacia. Molto mobile. Dinamico. Un ottimo esordio. Suo il cross per il gol di Bastos. Sostituito a dieci minuti dalla fine della gara.

Lulic: sv Entra al posto di Jony nel finale di gara. Non ha tempo per incidere nella gara

Correa: 4.5 Troppo poco per quelle che sono le sue potenzialità. Ogni tanto cerca di accendersi provando a saltare l’uomo ma senza convinzione e determinazione. Sembra essere sceso in campo senza concentrazione. Ne esce fuori una gara disastrosa in cui non lo ha visto mai in partita

Caicedo: 4 Gira a vuoto. Passeggia in campo. Cerca disperatamente una posizione che non riesce a trovare per tutta la partita. È impreciso, impacciato. Probabilmente la peggiore partita giocata da quando indossa la maglia della Lazio.

Inzaghi: 4 La sua squadra sembra un bulletto che però scappa all prima sgridata. La Lazio scende in campo a testa alta, senza timore reverenziale ma al primo attacco degli avversari sembra impaurirsi e ritirarsi. Forse quel carattere che sembrava avere acquisito ancora latita. Dovrà lavorare soprattutto su questo.
Nel frattempo, per tutti i fanta-allenatori lettori di Cittaceleste.it, è pronta un’esperienza pazzesca… con in palio un montepremi complessivo da 250mila euro e… un JAGUAR F-PACE! >>> SCOPRI DI PIU’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy