Marusic: “Bello tornare a Formello con la famiglia Lazio. Pronti per ripartire”

Le parole dell’esterno destro della Lazio, Adam Marusic

di redazionecittaceleste

ROMA – Si allunga la lista dei calciatori della Lazio invitati a parlare ai media ufficiali biancocelesti. Stavolta è toccato ad Adam Marusic. Ecco come si è espresso sull’eventuale ripartenza e sul periodo passato in quarantena.

Ciao Adam, come stai?

“Sto bene qui a casa a riposare”.

Com’è stato tornare a Formello?

“Stamattina mi sono allenato. Abbiamo questi allenamenti individuali da fare, ma siamo contenti. Dopo due mesi a casa siamo tornati a Formello e possiamo fare il nostro lavoro”.

Avete esultato per la ripartenza?

“Sì. Dopo che il mister ha scritto che potevamo ricominciare gli allenamenti abbiamo esultato. Così abbiamo fatto i controlli, e dopo che tutti siamo risultati negativi al Covid abbiamo cominciato”.

Meglio rivedersi dal vivo…

“Certamente. Io e Milinkovic ci sentiamo sempre, però vederlo dal vivo come i compagni è un’altra cosa sicuramente”.

Sullo stop durante la cavalcata della Lazio…

“Chiaro che bisogna rispettare lo stop che indice il Governo. Peccato però che ci hanno fermato nel momento in cui stavamo giocando il miglior calcio d’Italia. Vediamo cosa succederà, ci faremo trovare pronti. Nel frattempo mi sono rivisto tante partite giocate durante la quarantena. Genoa-Lazio con il mio gol l’ho vista due tre volte. Io e gli altri abbiamo tanta voglia di continuare, ma ora dobbiamo aspettare”.

Se la stagione ripartisse domani…

“Io penso che noi saremo pronti sicuramente. Ho parlato anche con gli altri e tutti dicono la stessa cosa. Peccato per la mancanza del pubblico. Però le regole sono queste e dobbiamo attendere novità dal Governo. Anche se dobbiamo giocare senza pubblico lo faremo senza problemi, anche se non sarà la stessa cosa”.

La partita più travolgente?

“Lazio-Inter senza dubbio. Una partita importantissima che alla fine abbiamo vinto. Ho giocato su entrambe le fasce, prima a destra poi a sinistra. Sono andato anche vicino al gol sul calcio d’angolo che poi ha portato al vantaggio segnato da Milinkovic. Brozovic l’ha salvata sulla linea la mia girata, menomale che poi la sfera è arrivata a Sergej (ride, ndr)”.

Sulla duttilità sulle fasce e l’aspetto fisico…

“Quando sto bene penso che posso giocare senza problemi. Gli infortuni mi hanno un po’ bloccato, ma ora devo prepararmi bene perché alla ripartenza giocheremo tante partite ravvicinate”.

Sulla “famiglia” Lazio…

“Si sente nello spogliatoio che siamo una famiglia. Il primo anno l’ho sentita subito questa cosa. Siamo tutti uniti e compatti e questo è anche il modo con il quale scendiamo in campo”.

Sui look post quarantena…

“Speriamo di tornare presto dal parrucchiere (ride, ndr)”.

Sulla quarantena in casa…

“A casa sto da solo. Sento sempre i miei affetti, ma se non si può uscire di conseguenza non posso far venire la mia famiglia qui. Speriamo la situazione si sblocca presto. A casa mi alleno o guardo serie tv tipo La Casa di Carta e serie serbe. Quando i miei amici gioco alla Playstation altrimenti da solo non gioco, non mi piace. Poi mi piace cucinare. Ogni giorno cucino anche perché devo mangiare (ride, ndr). Oggi ho fatto un po’ di carne e riso. I dolci no, non sto al livello del Tucu (ride, ndr).

Sul ritorno alla normalità…

“Sarà bellissimo. Spero che tutto questo passi il più veloce possibile e che tutto torni come prima e anche meglio”.

Un grande abbraccio a tutti i tifosi della Lazio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy