Mercato Lazio, Wallace al Wolverhampton ok, ma c’è il nodo extra

Il difensore della Lazio Fortuna Wallace è in cerca di una nuova sistemazione. Ad oggi il Wolverhampton sembra la squadra più interessata. Mendes lavora per portarlo in Inghilterra insieme a Bruno Jordao e Pedro Neto. Termine ultimo oggi ore 18

di redazionecittaceleste

AGGIORNAMENTO ORE 16:31 – Secondo le nostre esclusive indiscrezioni, la Lazio ha dato l’ok al trasferimento di Wallace a circa 6 milioni al Wolverhampton. E’ tutto fatto, ma ora è la burocrazia britannica a impedire che l’affare vada in porto. Infatti, il difensore è extracomunitario e non ha le presenze in Nazionale per poter entrare nel campionato inglese. L’agente Mendes sta così facendo una corsa contro il tempo per ottenere dalla Federazione della Premier un permesso speciale. Rimane poco più di un’ora.

ROMA – Il difensore Fortuna Wallace è in uscita dalla Lazio. Il brasiliano non ha mai convinto a pieno tecnico e tifosi. I suoi errori difensivi spesso sono stati decisivi ai fini del risultato della squadra biancoceleste. Ora il brasiliano è in cerca di una nuovo sistemazione. In questo senso il suo procuratore Jorge Mendes sta lavorando per cercare al 13 laziale una nuova squadra.

Il procuratore portoghese che con la Lazio spesso collabora sul mercato, starebbe spingendo per l’ipotesi Wolverhampton. Mendes pochi giorni fa infatti ha condotto un’altra operazione con il club inglese, i due portoghesi Neto e Jordao i quali sono approdati con i Wolves. Benfica, Monaco, Valencia, e Flamengo sembrano ormai defilate. Ma bisogna fare in fretta, perché oggi alle ore 18 le trattative di mercato termineranno in terra inglese. Mendes continua a lavorare per questo, tra qualche ora si attendono sviluppi in un senso o nell’altro.

 
Nel frattempo, per tutti i fanta-allenatori lettori di Cittaceleste.it, è pronta un’esperienza pazzesca… con in palio un montepremi complessivo da 250mila euro e… un JAGUAR F-PACE! >>> SCOPRI DI PIU’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy