Panchina Lazio, Inzaghi resta in pole. Ma occhio ad Allegri e Conceicao…

Da Formello assicurano però che il rinnovo del tecnico biancoceleste arriverà entro Natale

di redazionecittaceleste

ROMA – Non ha ancora vinto lo scudetto, eppure può forse già considerarsi l’allenatore più amato d’ogni tempo. E’ lì con Maestrelli ed Eriksson, Inzaghi ha compiuto un autentico miracolo in quattro anni e mezzo. E’ risalito dall’inferno (o, fate voi, da Salerno) e ha riportato la Lazio in Paradiso. Gli ottavi di Champions sono il coronamento di un percorso tortuoso e virtuoso, ricco di delusioni (vedi Salisburgo, l’Inter il 20 maggio e lo scorso post lockdown) e trofei (la Juve battuta due volte), in cui Simone è cresciuto insieme al suo gruppo. Era stato accolto dopo il caos Bielsa con tanto scetticismo, ha trasformato i mugugni in un coro univoco. E’ stato furbo, ma sopratutto bravo. E’ entrato nella testa dei giocatori, ha gestito le critiche in ogni momento buio, ha ribaltato ogni pronostico. Veniva considerato un traghettatore, Inzaghi ora è il Caronte di un sogno compiuto: «Contro il Bruges è come se avessimo vinto un altro trofeo». Simone e la Lazio se lo sono strameritato. E non dev’essere l’ultimo.

SCADENZA
Un altro record storico chiama subito il rinnovo. E’ possibile che sia a scadenza a giugno l’allenatore che ha appena portato la Lazio agli ottavi di Champions vent’anni dopo? Inzaghi adesso va blindato. In realtà, l’impressione è che Lotito ormai lo avrebbe fatto da tempo, ma una serie d’incidenti di percorso (il caos tamponi e non solo) hanno fatto slittare l’appuntamento. Un peccato, anche perché ora il tecnico ha una qualificazione in mano da far pendere ulteriormente a proprio favore in sede di prolungamento. Tradotto: se a settembre Simone chiedeva tre milioni per mettere nero su bianco, oggi può alzare il prezzo. Pure perché le pretendenti non mancano e Lotito deve stare molto attento. E’ come se ora si fosse ribaltato il gioco freddo d’agosto. Allora il presidente aveva qualche titubanza su questo ciclo, in questi mesi invece ha maturato l’idea di far proseguire il matrimonio. Oggi è Inzaghi che tergiversa e riflette sul futuro. Ha sempre detto che si sente a casa alla Lazio, ma non si è mai sbilanciato sulla permanenza né su un eventuale trasloco. La moglie Gaia e la sua famiglia però non vorrebbero muoversi da dove sono.

REGALO
Rimane l’ottimismo e da Formello assicurano che il rinnovo arriverà sotto l’albero. Ogni giorno può essere quello buono. Ieri Inzaghi ne ha concesso uno di riposo alla squadra e a se stesso. Tuttavia già lunedì a Formello Lotito aveva di nuovo accennato al discorso prolungamento. Forse perché le ultime e insistenti voci provenienti da Milano cominciano a infastidirlo. Il presidente non ha intenzione di sentirsi ostaggio, adesso vuole chiudere questa storia entro fine anno. La proposta sarà un biennale a 3 milioni più bonus. Ma non sarebbe nulla ovviamente rispetto alle cifre che potrebbe offrirgli l’Inter per il dopo Conte in nerazzurro. Alla finestra anche il Psg e, in seconda linea, la Juve, nel caso in cui dovesse precipitare la situazione di Pirlo. Secondo Lotito però Inzaghi deve decidere adesso, senza tenersi aperto (salvo l’inserimento di una clausola rescissoria) nessun altro spiraglio.

PIANI B
In questo senso fa ben sperare il ritorno del fido dt Peruzzi a Formello. Ma anche Tare avrà un ruolo decisivo. Il ds è ormai legato a un filo doppio al tecnico e potrebbe restare con lui oppure addirittura (vedi l’Inter) seguirlo. Lotito lo vivrebbe come un tradimento, non vuole nemmeno pensare a un simile scenario. Eppure era stato proprio lui a corteggiare Allegri allo sfinimento. In caso d’addio d’Inzaghi, l’ex allenatore bianconero rimane il primo obiettivo, Juric e De Zerbi idee per il bel calcio espresso. Conceicao il nome per proseguire sulla scia della tradizione degli ex della Lazio. Potrebbe tornare di moda anche Mihajlovic, in questo senso. Inutile però pensare già al sostituto quando c’è ancora Inzaghi come orizzonte assoluto. Piuttosto si consumi con Lotito questo benedetto incontro. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy