Tris Lazio a Marassi: tabù infranto ed il sogno continua

La Lazio segna tre gol e torna da Marassi con il bottino pieno

di redazionecittaceleste

di Lorenzo Beccarisi

ROMA – A Genova si gioca, il Coronavirus mette paura e diverse partite sono state rimandate. Ma non quella che vedeva la Lazio impegnata a Marassi contro il Genoa, un Marassi finalmente benevolo per i capitolini che infrangono l’ennesimo tabù stagionale grazie alla vittoria per 1-3.

APPROCCIO VINCENTE – L’approccio è stato di quelli giusti, la Lazio è entrata in campo con l’idea chiara di imporsi sull’avversario è dopo due minuti di gioco ci è già riuscita. Lo scambio sulla trequarti ha visto Caicedo innescare Marusic, il montenegrino taglia con prepotenza – come un carrarmato – la difesa genoana e a tu per tu con Peri non sbaglia insaccando il pallone sotto l’incrocio dei pali. La Lazio mette la gara in ghiaccio e gestisce un primo tempo che la vede padrona nonostante un palo di Favilli al 25′. Ma la Lazio la comanda con la testa, questa gara. Nel secondo tempo infatti è di nuovo l’approccio arrembante ad essere decisivo, perché al 51′ è già 0-2: Immobile batte Perin con un destro rasoterra imprendibile.

DANILO IL GEOMETRA – I cambi sono di nuovo decisivi, Simone Inzaghi dimostra ottima capacità di lettura ancora una volta. Cassata segna un gran gol e mette la gara sull’1-2, ma la Lazio rimette subito le cose in chiaro. Ci pensa Cataldi, entrato a gara in corso al posto dell’ammonito Leiva: il centrocampista romano segna direttamente da calcio di punizione disegnato una traiettoria perfetta su cui nulla ha potuto Perin.

FINALE FRENETICO – La gara sembrava non aver più nulla da dire, la Lazio ha addirittura l’occasione di chiudere il match con un paio di contropiedi non sfruttati al meglio. E quando sembrava non restare altro che tornare a casa, ecco l’episodio che che consegna palpitazioni al finale di gara: Lazzari tampona Pandev in area, ma nel farlo tocca il pallone con il braccio. Var review e calcio di rigore: Mimmo Criscito non sbaglia e spiazza Strakosha.

I 5 minuti finali sono al cardiopalma, ma la Lazio ancora una volta dimostra di saper soffrire e vincere. Inzaghi risponde a Sarri: la lotta scudetto è ancora apertissima!

 

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy