• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Tutta la Lazio si stringe a difesa del gruppo: “Basta caccia all’uomo”

Tutta la Lazio si stringe a difesa del gruppo: “Basta caccia all’uomo”

Inzaghi e Parolo scacciano le critiche dallo spogliatoio

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio: mister Inzaghi

ROMA – UDINE Un punticino d’orgoglio. Poco importa che la Lazio non riesca a tornare più al successo, Inzaghi vede il bicchiere mezzo pieno e difende a spada tratta il suo gruppo: «Avremmo meritato di vincere nel primo tempo, è subentrata la stanchezza nel secondo. Adesso però servono tre punti per la matematica Champions che manca da 13 anni. Dopo 20 siamo tornati a lottare per lo scudetto e chissà, senza il Coronavirus e una sosta di tre mesi e mezzo, cosa sarebbe successo. Io non posso rimproverare nulla a questo gruppo, che da quattro anni ha vinto la Supercoppa e sta facendo qualcosa di straordinario. Anche contro l’Udinese ha messo tutto in campo». Eppure rimane sotto processo il continuo crollo fisico: «Il lockdown evidentemente ci ha tolto parecchio. Siamo la terza squadra che corre di più, ma giocando sempre con gli stessi uomini ci manca un po’ di lucidità. Sbagliamo gol che prima non avremmo mai sbagliato». Ancora irriconoscibile Ciro, non tira nemmeno Caicedo. E, oltre il baby Adekanye, non c’è più nessun ricambio in attacco: «Ci avrebbe fatto comodo Correa, così come Marusic, Leiva e Lulic, che non riavremo. Mi sarei accontentato di loro e non di altro dal mercato per chiudere questo campionato». Allora bisogna interrogarsi pure sulla gestione di qualche infortunio. Non a caso adesso Inzaghi sta evitando con altri di rischiare il peggio: «Per la Juve dovrò valutare le condizioni di Radu e Jony. Vavro non stava bene, Cataldi sta stringendo i denti con una caviglia che avrebbe meritato tre settimane di riposo. Per questo ho arretrato Parolo al centro».
DIFESA
Il terribile “vecchietto” in campo per la sesta gara di seguito. Un highlander saggio, Parolo, che respinge le critiche piovute addosso alla Lazio in questo momento: «E’ folle adesso far partire la caccia all’uomo. Prima non eravamo dei fenomeni e ora non siamo delle pippe. Chiunque sta dando il proprio meglio, ma siamo in difficoltà e ci dovrà servire per il futuro da insegnamento come è già successo in passato. Quando sono arrivato, sette anni fa, lottavamo per l’Europa League, adesso per la Champions. Con questo punto abbiamo allungato la classifica e tolto due squadre dalla lotta per il quarto posto. Era fondamentale anche non subire gol». Dopo 10 reti nelle ultime 5 gare, è la prima volta dalla ripresa del campionato.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

Cittaceleste.it

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Red - 3 mesi fa

    Il vero problema è che la squadra dura forse un tempo dopo di che non ci sono più energie. Il pareggio contro l’Udinese sa più di sconfitta che altro, nel secondo tempo ci hanno letteralmente presi a pallonate.
    Dalla ripresa del campionato non vedo progressi, ne fisici ne mentali, anzi a dire il vero mi sembra che più di qualcuno non ci metta neanche più gli attributi, e questo è vergognoso.
    Dispiace dirlo ma guardiamoci in faccia, qui bisogna stare attenti alla Roma quinta in classifica altro che Champions già in tasca, arrivare quinti sarebbe la disfatta totale di un bel campionato…almeno quello visto fino a Marzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy