notizie

UFFICIALE – Comunicato FIFA: le nuove regole sui contratti dei giocatori

Notizie Lazio - Parla Infantino

Il Consiglio della FIFA presieduto da Infantino ha deliberato importanti novità sui contratti e trasferimenti dei giocatori

redazionecittaceleste

Comunicato FIFA

—  

ROMA- La FIFA ha stabilito nuove regole per quanto concerne i contratti e i trasferimento dei giocatori e per l'organizzazione delle competizioni. Di seguito riportiamo il comunicato:

“L’Ufficio di presidenza del Consiglio FIFA presieduto dal presidente della FIFA Gianni Infantino, convocato oggi in teleconferenza per affrontare le circostanze eccezionali create dall’epidemia di virus COVID-19, ha deciso all’unanimità:

  • Includere le nuove date del CONMEBOL Copa América e di UEFA EURO (dall’11 giugno all’11 luglio 2021) nel calendario delle partite internazionali e decidere in un secondo momento quando programmare la nuova Coppa del Mondo per club FIFA che avrebbe dovuto svolgersi nel Giugno / luglio 2021;
  • Creare un gruppo di lavoro delle Confederazioni FIFA, monitorando la situazione in evoluzione, lavorando a stretto contatto e concordando un approccio coordinato che affronti le conseguenze di questa pandemia:
  • - Calendario : assicurare che alla fine vengano trovate soluzioni globali appropriate per le competizioni a tutti i livelli, tenendo conto delle esigenze di tutte le parti interessate, mantenendo sempre la salute di tutti i partecipanti come una priorità;

    -Trasferimento di giocatori : valutazione della necessità di emendamenti o dispense temporanee ai regolamenti FIFA sullo status e il trasferimento dei giocatori per proteggere i contratti sia per i giocatori che per i club e regolare i periodi di registrazione dei giocatori; 

    -Potenziale fondo di sostegno : valutazione dell’impatto economico affrontato dai vari attori del calcio in ogni continente per analizzare se sarà necessario un fondo di sostegno a livello globale e come in tal caso dovrebbero essere definiti meccanismi di sostegno concreti".

    Potresti esserti perso