Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio News, Signori: “Tifosi? Tanto affetto. Presto tornerò all’Olimpico”

Beppe Signori

Dopo anni di assente dai campi, l'ex Lazio Giuseppe Signori sogna ancora di poter tornare all'Olimpico per salutare i suoi tifosi

redazionecittaceleste

Giuseppe Signori ha da poco pubblicato un libro nel quale vengono raccontanti alcuni importanti retroscena sulla sua carriera e su ciò che è successo dopo. Nonostante gli ultimi dieci anni lo abbiano visto protagonista in alcune vicende assolutamente spiacevoli e totalmente infondate, i tifosi della Lazio gli sono sempre rimasti vicino. Ancora oggi Beppegol è fiero di aver lasciato un solco nel cuore dei sostenitori biancocelesti. Di questo e di altro l'ex centravanti ha parlato ai microfoni di Radiosei:

Beppe Signori

Sulle vicende extra calcio

"Felice di sentire tanto affetto da parte dei tifosi nei miei confronti. Affetto che ovviamente è reciproco. Non ho parole per descrivere il loro calore. Un conto e giocare e fare goal, un conto è rimanere nel cuore della gente anche dopo il ritiro. Ho scritto un libro dove racconto la mia storia: di vita, ma anche calcistica e giudiziaria. Lì sono raccontati i miei alti, i miei bassi, le mie gioie e i miei dolori. Ho avuto la colpa di essere stato troppo buono. Mi hanno attaccato perché non ero tesserato con nessun club e perché mi piaceva scommettere. Felice che sia caduto tutto in prescrizione. Quella è la cosa più importante ma nulla mi ridarà indietro questi dieci anni dove mi sono anche vergognato ad andare in giro per strada".

Sul ritorno all'Olimpico

"Il calcio è cambiato ed è giusto rimanere aggiornati. Tuttavia, certe volte rendiamo il tutto un po' troppo complicato. Un conto è seguire le partite in tv, un conto è vederle dal vivo. Non vado allo stadio da anni ma cercherò di trovare il coraggio di tornare a farlo. Penso che andrà all'Olimpico per la sfida con i rossoneri. Nel libro ho raccontato molti aneddoti e diverse dinamiche che chi non appartiene al mondo del calcio magari non sa. Anche perché parlare della mia carriera sarebbe stato scontato".