news

UFFICIALE / Immobile e Acerbi sposano la Lazio a vita

Acerbi e Immobile

Il capitano e il difensore biancoceleste hanno prolungato i rispettivi contratti: rimarranno a Formello fino ai trentasei e trentasette anni

redazionecittaceleste

Non è arrivata nessuna comunicazione diretta da parte della società, ma i dubbi sembrano essere praticamente nulli. Stando a quanto si legge dal bilancio della Lazio aggiornato al 30 giugno 2021, infatti, Francesco Acerbi e Ciro Immobile hanno rinnovato nuovamente il loro contratto con i biancocelesti. Il difensore e il capitano della Lazio, quindi, hanno di fatto scelto di legarsi a vita - almeno a quella per la durata della rispettiva carriera sul terreno di gioco - ai colori della prima squadra della capitale.

 Acerbi e Immobile in Nazionale

Il rinnovo di Immobile

Non si ferma la storia d’amore tra la Lazio e Ciro Immobile. Il bomber di Torre Annunziata, arrivato a Formello nell’estate del 2016, ha trovato nella Capitale la sua dimensione ideale e le stagioni della definitiva consacrazione. Una media di trenta reti a stagione che lo ha proiettato in vetta all’Olimpo dei migliori marcatori della storia biancoceleste. E una Scarpa d’Oro conquistata sfilandola a Cristiano Ronaldo e superando Lewandowski. Se circa un anno fa De Martino aveva annunciato la firma fino al 2025, leggendo il nuovo bilancio biancoceleste si può notare che a oggi la scadenza del contratto è stata posticipata di un anno. Fino, quindi, al 2026 e ai trentasei anni di Immobile. Che a Formello ha piantato le tende e non ha alcuna intenzione di toglierle.

Il rinnovo di Acerbi

Si allunga invece di altre due stagioni la durata del contratto del Leone biancoceleste con la Lazio. Il precedente accordo, infatti, fissava la scadenza al 30 giugno 2023, mentre dal bilancio si può notare come questa sia stata posticipata al 30 giugno 2025. L’accordo tra le parti dovrebbe essere stato trovato per una cifra vicina ai 2,5 milioni a stagione, bonus compresi. Arrivato nell’estate 2018, quindi, Acerbi ha deciso di legarsi alla Lazio fino ai suoi trentasette anni. Una notizia positiva, quindi, che arriva nel giorno della notizia della scelta della società, che non farà ricorso dopo la squalifica di due giornate.