Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio News, parola a nonno Romero: “Ha un grande futuro”

Luka Romero

Luka Romero ha un futuro luminoso dinanzi a sé. La Lazio deve coccolarselo. Parola di José: suo nonno paterno

redazionecittaceleste

Il nonno di Luka Romero, giovane esterno d'attacco recentemente acquistato dalla Lazio e soprannominato il "nuovo Messi" per le sue straordinarie qualità, è un uomo di campo come al giorno d'oggi ce ne sono ormai pochi. José Romero, che di giovani talenti ne ha visti a bizzeffe da 1984, non ha dubbi sul fatto che il nipote sia un predestinato e che ben presto farà il suo salto di qualità nel calcio che conta. Dopo aver vestito la maglia del Maiorca e dopo aver preso confidenza con il professionismo, è stata la società biancoceleste ad accaparrarsi il suo cartellino.

 Luka Romero

Romero e la Lazio

Il calciatore nato nel 2004, tuttavia, sta facendo avanti e indietro tra la Primavera e la prima squadra. Solo che da mister Maurizio Sarri non è stato quasi mai preso in considerazione. Eccezion fatta per qualche minuto concessogli ad inizio stagione contro lo Spezia. Di questo e di altro, ai microfoni di Perspectivasur.com, ha parlato suo nonno paterno:

Parola al nonno

"Luka ha un grande futuro alla Lazio. Parlo con lui ogni giorno e so che ha recentemente contratto il coronavirus. Ha passato le festività natalizie a lontano da Roma, per tornare a Maiorca, ed è stato così che si è ammalato. Per questo è dovuto rimanere in isolamento. Ha fatto il tampone ed è poi tornato alla Lazio dove è stato aggregato alla prima squadra. In questo momento è importanti prendersi cosa di sé stessi. Ma, a volte, le cose non vanno come speri. Per quanto riguarda la sua carriera, deve aspettare e rimanere tranquillo. Credo che abbia difronte a sé un grande futuro con i biancocelesti. Stando a ciò che dicono di lui gli addetti ai lori del club, sembrano essere molto contenti". Ha da poco compiuto 17 anni e ed è un bene che già abbia visto il campo. Questo lo qualifica. Per non parlare del fatto che lo ha da poco chiamato Mascherano per convocarlo, tra un paio di mesi, nell'Under 20 dell'Argentina".