Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

QDL – Sergio: “Alla Lazio serve continuità, domenica gran primo tempo”

Lazio

Le parole di Raffaele Sergio, intervenuto durante Quelli della Libertà, in onda ogni sera dalle 18:30 alle 20:00 su Cittaceleste TV e Radiosei

redazionecittaceleste

È intervenuto ai microfoni di Quelli della Libertà, in onda su Cittaceleste TV e Radiosei l’ex calciatore biancoceleste Raffaele Sergio. Di seguito le sue parole. “Sicuramente questa è una Lazio che deve trovare continuità. Domenica ha fatto una grandissima partita, soprattutto per quanto riguarda il primo tempo. È stata una prima frazione eccellente da un punto di vista tecnico e tattico. Manca sicuramente, però, un po’ di continuità nei risultati. In ogni caso penso ci voglia tempo, quando si aprono dei cicli nuovi dopo un progetto lungo ben sei anni è normale che serva pazienza. Sono convinto che con il tempo la Lazio e Sarri costruiranno qualcosa di importante. Il mister mi sembra una persona seria e un gran lavoratore, sono convinto che farà qualcosa di importante per la Lazio.

 Maurizio Sarri

Lazzari è un giocatore di grande spinta in avanti, penso sia doveroso metterlo nei tre davanti. A prescindere da questo, penso che visto il suo tipo di gioco sarebbe più semplice farlo giocare in un centrocampo a cinque. Sono convinto comunque che possa giocare anche nei tre davanti.

La Lazio ha cambiato allenatore, sposando un nuovo progetto e un nuovo sistema di gioco. Chi sposa il progetto può far bene, chi non lo fa può incontrare difficoltà. Io penso dipenda dal giocatore. Nel caso di Luis Alberto, si parla di un calciatore con tutte le qualità necessarie per far qualcosa di positivo. Anche in questo caso ci vuole tempo e ci vuole pazienza, bisogna saper aspettare. Il ciclo nuovo è iniziato e da questo bisogna partire. Se si pensa sempre al passato non si va da nessuna parte. Non so se serva un cambio di modulo per farlo rendere bene, ma conoscendo la storia di Sarri dubito cambierà modulo per Luis Alberto. Quello che serve è la disponibilità del giocatore”.